Osservare

La capacità di osservazione è una delle doti principali per un investigatore.investigatore
E  per uno scrittore.

L’uno riesce a cogliere particolari sfuggiti a tutti per dare un indirizzo preciso alle proprie indagini. L’altro li individua in una scena usuale, in un paesaggio noto, in una persona incontrata per strada e ne fa materiale di scrittura.

E così torniamo a ciò che vi dicevo prima sul “ricreare” sensazioni, situazioni, personaggi e fatti.

 Ma che cosa si può archiviare nel magazzino della memoria?

Tutto ciò che vi circonda. Un effetto di luci e di ombre in una via, l’espressione buffa o intensa di un viso sconosciuto tra la folla, un gesto, qualche battuta di un dialogo colto al volo nell’autobus affollato, uno scorcio di paesaggio,  una caratteristica fisica o psicologica di una persona che  conosciamo o che abbiamo incontrato per caso, la voce  acuta della vicina di casa, la pettinatura elaborata della professoressa d’italiano, il naso pronunciato del postino, gli occhi luminosi di un amica della mamma, un gesto abituale del fruttivendolo, un’espressione gergale sentita da un gruppetto di ragazzi davanti al bar, la smorfia del fratellino quando è arrabbiato, la camminata decisa dello zio.

mano con penna

 Naturalmente tutte queste cose non possono restare impresse a lungo,  con la loro immediatezza e con la loro freschezza, ecco perché sarà utile portare con voi un piccolo quaderno o un taccuino sui quali annotare subito tutto ciò che colpisce la vostra attenzione e la vostra immaginazione.

block notes

schedarioA casa, con calma, potrete creare un vero e proprio schedario nel quale registrare brevi descrizioni dei luoghi e delle persone, distinguendo per queste ultime i tratti fisici da quelli psicologici.

(continua)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog.wordpress.com/

Tutto inizia da adesso

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione

Io e la mia città

Appunti democratici su Roma

biblioragazzi

Biblioteche per ragazzi in Italia e nel mondo

Il bandolo della matassa

Ho bisogno di manualità e di creatività, partendo dalle piccole cose. Di riscoprire materiali che sanno riscaldare, avvolgere e colorare. Ho bisogno di leggerezza, di spazi aperti e tranquillità. Di riscoprire, nella semplicità, momenti in cui lasciare andare la mente. Ho bisogno di ritrovare il "bandolo della matassa"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: