Premio “I Cento Castelli”

Potete leggere qui il mio racconto per bambini, Il consigliere nascosto, anche se non sono tra i vincitori.

Castello di Briona

Annunci

Ma sono davvero io?

Mi riferisco all’immagine che compare sopra il mio nome. Nessun dubbio che mi sia voluta divertire usando un ritratto che amo molto. Ammetto non mi dispiacerebbe affatto somigliare alla bella fanciulla del quadro, ma non è questo il motivo per cui l’ho scelto. Si tratta di Proserpina, opera di uno dei miei pittori preferiti, Dante Gabriel Rossetti, appartenente alla corrente dei Preraffaelliti. Sono appassionata da tempo dei loro quadri e ho approfondito la conoscenza del loro stile quando ho scritto il secondo libro per ragazzi, "Il mistero dell’altopiano".
Se volete vedere il ritratto nelle sue dimensioni originali, cliccate qui.

Ma tu da piccola eri normale?

Questa dolcissima e profonda domanda me l’ha posta un’alunna di seconda elementare durante un incontro nel quale si doveva parlare, noi adulti, dell’esperienza della scrittura a un piccolo pubblico rumoroso in una scuola elementare.
Alla piccola e curiosa alunna interessava sapere se da bambina mangiavo tutto quello che mi preparava la mamma, se facevo i capricci quando era ora di andare a dormire o quando non venivo accontentata, se insomma una che scrive storie per bambini e ragazzi fosse una persona qualunque.
Io non so come sia nato il mio amore per la scrittura, so soltanto che ho cominciato a riempire quaderni appena ne sono stata in grado e non ho più smesso di farlo.
Scrivere per i ragazzi è la cosa che preferisco, pari solo al piacere della lettura, coltivato in solitudine e in tante sere accanto al letto dei miei figli, soprattutto della più piccola, che non voleva mai saperne di addormentarsi.

Era necessario?

Era necessario mettere on line un  altro blog?
Non posso e non voglio rispondere.
Preferisco lasciare la parola a chi avrà la curiosità di visitarlo.
Mi piace l’idea di poter scambiare opinioni e pareri con i miei giovani lettori ed offrire loro qualcosa in più oltre la lettura dei miei libri.
A presto.