I coniglietti suicidi

Coniglietti 1Titolo      Il libro dei coniglietti suicidi
Autore    Andy Riley
Prezzo    € 10,00
Editore    Mondadori (Biblioteca umoristica)
Pagine     84, illustrato
Coniglietti 2 (2)Titolo       Il ritorno dei coniglietti suicidi
Autore     Andy Riley
Prezzo      € 10,00
Editore     Mondadori (Biblioteca umoristica)
Pagine     100, illustratoSi avvicina il Natale e la corsa ai regali è cominciata.
Il mio consiglio è scontato, passate prima in libreria, che un libro adatto si trova sempre.
Però il suggerimento particolare che voglio darvi è un po’ insolito.
Non si tratta di un libro adatto ai più piccoli, ma senza dubbio piacerà ai fratelli e alle sorelle più grandi, sopratutto se apprezzano l’umorismo surreale e anche un po’ politicamente scorretto.

Si tratta di due piccoli volumi di fumetti, Il libro dei coniglietti suicidi e Il ritorno dei coniglietti suicidi, ad opera dello statunitense Andy Riley.
AeroplanoPagina dopo pagina, questi dolci batuffoli di pelo sono impegnati con la massima serietà nelle più assurde attività il cui unico scopo sia il porre fine alla loro vita. E lo fanno nei modi più incredibili che mente umana, o meglio mente coniglietta, possa elaborare, dimostrando in ogni caso grande sangue, freddo, estremo sprezzo del pericolo e autentiche capacità trasformiste.
GhigliottinaHarakiriFanno venire in mente gatto Silvestro o Willy il Coyote per la fantasia con la quale si ficcano in situazioni assurde, con la differenza però che non si tratta assolutamente di eventi accidentali. Ogni tenatto suicidio è pianificato, programmato e spesso messo in atto con un dispiegamento di mezzi e di idee che hanno del sorprendente.
Cavatappi1cane
Un’altra particolarità di questi due volumetti è che ci si può divertire a cogliere i riferimenti parodistici a celebri film.
Terminator1Terminator2Terminator3StarWarI coniglietti suicidi sono stati un regolare appuntamento per i lettori del britannico Observer Magazine e poi le loro avventure sono state raccolte appunto in due piccoli volumi. La tradizione vuole che l’idea iniziale sia venuta a Andy Riley durante un pranzo di lavoro nel quale ebbe l’idea di disegnare un tostapane dal quale uscivano orecchie da coniglio.
ArcaDa quel momento in poi sono diventati una presenza costante sul settimanale britannico, con la loro carica di umorismo nero che vuol far sorridere su un argomento così drammatico. Sono ben lontana dallo scandalizzarmi come hanno fatto coloro che accusano i coniglietti di Riley di essere un’istigazione al suicidio, o quanto meno un’espressione di pessimo gusto, e vedono in queste strisce una assoluta mancanza di rispetto.
Sollevamento pesi
Io invece sono convinta che ci siano nella realtà di ogni giorno molti altri modi, più terribili e più subdoli, per mancare di rispetto al prossimo che inventarsi improbabili e ingegnosi suicidi di coniglietti sulla carta.Buon Natale…
NataleHo tratto le immagini da qui

Annunci

14 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. ermionee
    Dic 07, 2009 @ 23:28:00

    A parte alcune vignette decisamente esilaranti, come quella del tostapane e l’altra dell’arca di Noè, devo dire che questi coniglietti suicidi mi danno i brividi. Mi stupisce un poco il fatto che l’autore sia statunitense: è uno stile di humor tipicamente british, come osservi tu. Non mi sembra che un bambino possa cogliere il senso surreale di questi disegni, che mi sembrano adatti proprio agli adulti.

    Rispondi

  2. ermionee
    Dic 07, 2009 @ 23:28:00

    A parte alcune vignette decisamente esilaranti, come quella del tostapane e l’altra dell’arca di Noè, devo dire che questi coniglietti suicidi mi danno i brividi. Mi stupisce un poco il fatto che l’autore sia statunitense: è uno stile di humor tipicamente british, come osservi tu. Non mi sembra che un bambino possa cogliere il senso surreale di questi disegni, che mi sembrano adatti proprio agli adulti.

    Rispondi

  3. gabrilu
    Dic 08, 2009 @ 23:43:00

    Ho in mente almeno quatto o cinque persone (adultissime) cui regalarlo.
    Grazie, mi hai risolto buona parte del   sempre più insopportabile  problema tormentone natalizio!

    Rispondi

  4. gabrilu
    Dic 08, 2009 @ 23:43:00

    Ho in mente almeno quatto o cinque persone (adultissime) cui regalarlo.
    Grazie, mi hai risolto buona parte del   sempre più insopportabile  problema tormentone natalizio!

    Rispondi

  5. annaritav
    Dic 10, 2009 @ 11:16:00

    Hai ragione, Ermione, infatti ho premesso che stavolta si trattava di un suggerimento rivolto ai fratelli e alle sorelle maggiori
    È un umorismo paradossale che non credo giustifichi le sdegnate proteste che in patria ha suscitato, subissato per altro dal successo di pubblico.
    Pure a me ha risolto più volte l’imbarazzo della scelta di un piccolo dono, Gabrilu, anche al di fuori della festa comandata
    Un cordiale saluto

    Rispondi

  6. annaritav
    Dic 10, 2009 @ 11:16:00

    Hai ragione, Ermione, infatti ho premesso che stavolta si trattava di un suggerimento rivolto ai fratelli e alle sorelle maggiori
    È un umorismo paradossale che non credo giustifichi le sdegnate proteste che in patria ha suscitato, subissato per altro dal successo di pubblico.
    Pure a me ha risolto più volte l’imbarazzo della scelta di un piccolo dono, Gabrilu, anche al di fuori della festa comandata
    Un cordiale saluto

    Rispondi

  7. nowhereman56
    Dic 13, 2009 @ 11:39:00

    Grazie. Lo comprerei a mia figlia 13enne se riuscissi a convincerla a staccarsi dal PC per dedicarsi alle storie che stanno sulla carta. ma prima o poi scoprirà anche lei il fascino dei libri. Sono fiducioso.
    Buona domenica

    Rispondi

  8. nowhereman56
    Dic 13, 2009 @ 11:39:00

    Grazie. Lo comprerei a mia figlia 13enne se riuscissi a convincerla a staccarsi dal PC per dedicarsi alle storie che stanno sulla carta. ma prima o poi scoprirà anche lei il fascino dei libri. Sono fiducioso.
    Buona domenica

    Rispondi

  9. giuba47
    Dic 15, 2009 @ 12:01:00

    Annarita, sai scovare sempre delle piccole perle.
    Grazie

    Rispondi

  10. giuba47
    Dic 15, 2009 @ 12:01:00

    Annarita, sai scovare sempre delle piccole perle.
    Grazie

    Rispondi

  11. amfortas
    Dic 16, 2009 @ 18:43:00

    In effetti, almeno a giudicare dalle vignette pubblicate, l’ispirazione a Willy il Coyote sembra evidente.
    Siccome regali non ne faccio, lo comprerò per me, ché mi merito un po’ di coccole 🙂
    Ciao!

    Rispondi

  12. amfortas
    Dic 16, 2009 @ 18:43:00

    In effetti, almeno a giudicare dalle vignette pubblicate, l’ispirazione a Willy il Coyote sembra evidente.
    Siccome regali non ne faccio, lo comprerò per me, ché mi merito un po’ di coccole 🙂
    Ciao!

    Rispondi

  13. annaritav
    Dic 17, 2009 @ 17:34:00

    Nowhereman56, l’importante è seminare libri qua e là per casa, con finta noncuranza. I figli, o prima o poi, cedono alla curiosità e gettano un’occhiata. Poi da cosa nasce cosa…
    Grazie, Giulia, non è un tipo di umorismo che piaccia a tutti, ma di fronte alla realtà che spesso viviamo, è senza dubbio preferibile.
    Sì, dài, Amfortas! Coccolarsi con un libro è una delle cose più gustose che si possano fare!
    Salutissimi a tutti.

    Rispondi

  14. annaritav
    Dic 17, 2009 @ 17:34:00

    Nowhereman56, l’importante è seminare libri qua e là per casa, con finta noncuranza. I figli, o prima o poi, cedono alla curiosità e gettano un’occhiata. Poi da cosa nasce cosa…
    Grazie, Giulia, non è un tipo di umorismo che piaccia a tutti, ma di fronte alla realtà che spesso viviamo, è senza dubbio preferibile.
    Sì, dài, Amfortas! Coccolarsi con un libro è una delle cose più gustose che si possano fare!
    Salutissimi a tutti.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog.wordpress.com/

Tutto inizia da adesso

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione

Io e la mia città

Appunti democratici su Roma

biblioragazzi

Biblioteche per ragazzi in Italia e nel mondo

Il bandolo della matassa

Ho bisogno di manualità e di creatività, partendo dalle piccole cose. Di riscoprire materiali che sanno riscaldare, avvolgere e colorare. Ho bisogno di leggerezza, di spazi aperti e tranquillità. Di riscoprire, nella semplicità, momenti in cui lasciare andare la mente. Ho bisogno di ritrovare il "bandolo della matassa"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: