Il viaggiatore


CopertinaTitolo: Il viaggiatore
Autore: Daren Simkin
Illustratori: Daniele e Daren Simkin
Traduttore: Mirko Zilahi De’ Gyurgyokai
Editore: Fazi
Pubblicazione: settembre 2009
Pagine: 48
Prezzo: € 8,50
Età di lettura: da 8 anni
Charlie è un bambino, ma ha le idee molto chiare.
Benché abbia una famiglia che ama e che lo ama, tanti amici, un cane e bei giocattoli è convinto che ci debba essere un modo migliore per usare il proprio tempo.
Bisogna cercarlo, questo modo, perché Charlie non sa dove e come sia.

Tira giù dalla soffitta la valigia… era pesante, aveva cinture robuste ed era in grado di contenere moltissime cose importanti.
Per questo è la più adatta a chiuderci tutto il suo tempo:
decenni grandi e voluminosi, anni rotondi e schiacciati,
mesi soffici e qudrati, settimane triangolari e luccicanti, giorni sfilacciati, ore di seta, minuti sgualciti e persino una manciata di minuscoli secondi.

I genitori di Charlie sono molto preoccupati all’idea che egli voglia partire per una ricerca tanto lunga e difficile, ma egli non ha dubbi; con tutto il proprio tempo chiuso bene al sicuro nella grossa valigia potrà girare il mondo e trovare il modo migliore per impiegarlo ed essere finalmente felice.

E parte Charlie, con in testa il berretto che gli regala la sua amica carina, e vede, foreste, deserti, oceani, e fa tanti lavori, e legge migliaia di libri, e suona molti strumenti, e pratica vari sport, e conosce le lingue e le meraviglie del mondo.
Però in nessuna di queste cose riesce a trovare il momento perfetto, la felicità.
Ma Charlie non si preoccupa perché tutto il suo tempo è sempre chiuso al sicuro nella pesante valigia, dai voluminosi decenni alla manciata di piccoli secondi.

Eppure è diventato un uomo vecchio e stanco che capisce di dover tornare a casa senza aver trovato ciò che cercava. Quando incontra la sua amica carina, anche lei invecchiata, ma sempre con il sorriso di un tempo sulle labbra, Charlie capisce che cosa vuole fare e si rallegra pensando a tutto il tempo che ha ancora a disposizione, basta tirarlo fuori dalla valigia.

Non vi dirò che cosa succede quando Charlie apre la valigia, anche se non è difficile intuirlo.
C’è buona parte di Charlie in ognuno di noi e proprio come lui spesso siamo tentati dal pensiero che la felicità si trovi chissà dove, in chissà quale attività o sentimento o fatto che esulino dalla nostra quotidianità. Come Charlie sprechiamo tempo e energie in una ricerca che, nella maggior parte dei casi, si rivela infruttuosa se non addirittura deludente.
Il messaggio contenuto in questo piccolo e delizioso libro, dalle delicate illustrazioni, è forte e chiaro. Non sprechiamo neppure una manciata di minuscoli secondi senza cercare la felicità nella vita che viviamo ogni giorno perchè vivere e mare, come si legge sul risvolto di copertina, è tempo ben speso.

Gore Vidal ha definito questo libro un’illuminazione folgorante, un gran bel complimento per il giovane autore Daren Simkin che tra l’altro è stato un collaboratore del grande scrittore statunitense.

Qui di seguito un’intervista che Shana Simkin ha fatto ai suoi fratelli, forse uno spiritoso ringraziamento per la dedica del libro.

Principesse e eroine

Principesse e eroine.
Ci sono termini che più di questi facciano pensare alle classiche favole in cui abbondano amori, pericoli, magie e lieto fine?
Eppure non è sempre così, per fortuna.
Girovagando per il web, mi sono imbattuta in due interessanti libri che vi voglio proporre, appunto perché entrambi ribaltano lo stereotipo della classica fiaba.
La particolarità dei due testi è che non si tratta di opere contemporanee e perciò prodotte allo scopo di rompere volutamente gli schemi con una facile operazione di rivisitazione e stravolgimento.
Andiamo con ordine.
Draghi e principesseDi questa raccolta, curata da Laura Tosi, fanno parte cinque autori dell’Inghilterra vittoriana i quali, con diversi esiti stilistici, affrontano la fiaba tradizionale da un punto di vista riformista e propugnatore del potere della fantasia in aperto antagonismo con il conformismo vittoriano.
Sono autori  che hanno lasciato una notevole traccia nella letteratura per l’infanzia, da George MacDonaId (ministro di culto scozzese, apprezzato anche da W. H. Auden, J. R. R. Tolkien e C. S. Lewis,  nella cui prosa si mescolano abilmente temi classici e simbolismo tardoromantici) a Kenneth Grahame (notissimo autore de Il vento nei salici, cantore di una società rurale che viene progressivamente soffocata dall’industrializzazione) da Edith Nesbit (creatrice del famoso ciclo dei ragazzi Bastables e personaggio di spicco nella nascita e nello sviluppo del partito laburista) a Mary De Morgan ed Evelyn Sharp (autrici di testi nei quali la condizione femminile viene affrontata esplicitamente). Siamo quindi di fronte a fiabe vittoriane, è vero, ma nelle quali le principesse si liberano del  ruolo attribuito loro per tradizione e lasciano il mondo familiare e ristretto della corte per risolvere i problemi con il coraggio e l’immaginazione dei quali si rivelano sorprendentemente ricche, in narrazioni sul filo dell’ironia che pure restano ariose e magiche.
 

Titolo Draghi e principesse. Fiabe impertinenti dell’800 inglese. Testo inglese a fronte
Prezzo € 15,00
Dati 2003, 283 p., rilegato
Curatore Tosi L.
Editore Marsilio (collana Letteratura universale)


Mille storieIl volume curato da Francesca Lazzarato, ci offre un viaggio attraverso il folclore e la letteratura italiana e di varie parti del mondo sotto un comune denominatore: le fanciulle delle storie sono intelligenti, pronte e coraggiose, sanno farsi valere in un mondo dominato dagli uomini e sfoderano tutte le loro migliori doti con successo per riuscire a trionfare sul pregiudizio e sulla forza. Non bisogna però credere che si tratti di una raccolta “femminista”, sarebbe errato e riduttivo della ricca visione d’insieme offerta da questa raccolta, intelligentemente suddivisa per argomenti in modo tale da offrire una scelta ragionata. Si tratta quindi di una bella raccolta che si presta bene alla lettura serale, per sfatare il mito della favola a lieto fine nella quale  la fanciulla resta a casa quieta e il giovane eroe va in giro per il mondo in cerca di gloria e di conquiste. Come nel testo precedente anche qui la peculiarità delle storie sta nella loro origine geografica e nella loro lontananza nel tempo, che le mette al riparo dal sospetto di una qualunque moderna e spregiudicata operazione che si possa bonariamente definire sovversiva.
È autentico materiale d’epoca di sorprendente modernità.

 

Titolo Mille anni di storie di eroine
Prezzo
€ 13,52
Dati 2009, 347 p., ill., brossura
Curatore Lazzarato F.
Editore EL (collana Narrativa

Fili d’aquilone n.16

Siamo arrivati al numero 16 dal titolo pieno di suggestioni: Isole.
Se avrete voglia di seguirci, ne scoprirete tante aspetti diversi.
E io sono qui ad aspettarvi.

num016copertina

Letterelettriche Edizioni

Casa Editrice digitale - E-books store

The Victorianist: BAVS Postgraduates

British Association for Victorian Studies Postgraduate Pages, hosted by Danielle Dove (University of Surrey) and Heather Hind (University of Exeter)

Mammaoca

Fiabe integrali e poco altro. Si fa tutto per i bambini

La Fattoria dei Libri

di Flavio Troisi, scrittore e ghostwriter

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

Butac - Bufale Un Tanto Al Chilo

Bufale Un Tanto Al Chilo

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog

Tutto inizia sempre da adesso in poi

Iridediluce

“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione