Fili d’aquilone n.14

num014copertinaIl mondo dei bambini è tutt’ora misterioso, l’immaginazione e la gioiosità troppo spesso lo distanziano da quello degli adulti, così seriosi e “concreti”.
E questo 14° numero di Fili d’aquilone perciò è tutto dedicato a questo mondo in apparenza molto esplorato, ma in realtà sempre sconosciuto, e si intitola Infanti.
E io sono qui.
Buona lettura. 

Annunci

10 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. utente anonimo
    Mag 10, 2009 @ 12:18:00

    da Giuliano:
    letto e approvato! mai visto prima una storia con protagonista un “bavrolén” (come dice mia mamma, che è di Parma) – che è anche una bella metafora della nostra vita.

    Rispondi

  2. utente anonimo
    Mag 10, 2009 @ 12:18:00

    da Giuliano:
    letto e approvato! mai visto prima una storia con protagonista un “bavrolén” (come dice mia mamma, che è di Parma) – che è anche una bella metafora della nostra vita.

    Rispondi

  3. giuba47
    Mag 12, 2009 @ 14:58:00

    Sei davvero grava, Annarita… complimenti.
    Un abbraccio

    Rispondi

  4. giuba47
    Mag 12, 2009 @ 14:58:00

    Sei davvero grava, Annarita… complimenti.
    Un abbraccio

    Rispondi

  5. annaritav
    Mag 15, 2009 @ 12:58:00

    Grazie, Giuliano e Giulia, un abbraccio.
    Annarita

    Rispondi

  6. annaritav
    Mag 15, 2009 @ 12:58:00

    Grazie, Giuliano e Giulia, un abbraccio.
    Annarita

    Rispondi

  7. utente anonimo
    Mag 18, 2009 @ 19:18:00

    Che idea geniale mettere un bavaglino bianco come protagonista di una storia! Se mi dai il permesso la salvo e la tengo in serbo per il prossimo anno scolastico, per il periodo dell’accoglienza, quando i bimbi porteranno a scuola il “corredino” per il pranzo ed il bagno. Davvero graziosa e tenera questa storia. Bravissima! Ciao Annita

    Rispondi

  8. utente anonimo
    Lug 09, 2009 @ 15:29:00

    Piace molto anche a me dar vita ad oggetti creando delle semplici storielle da condividere con i miei figli e con gli amici blogger. Devo dire che quella che la situazione che hai creato e’ veramente piacevole ed educativa
    Un caro saluto
    Dona

    Rispondi

  9. utente anonimo
    Lug 09, 2009 @ 15:29:00

    Piace molto anche a me dar vita ad oggetti creando delle semplici storielle da condividere con i miei figli e con gli amici blogger. Devo dire che quella che la situazione che hai creato e’ veramente piacevole ed educativa
    Un caro saluto
    Dona

    Rispondi

  10. annaritav
    Lug 10, 2009 @ 09:06:00

    Grazie, Donatella, anche il tuo blog è molto simpatico e mi ha fatto piacere incontrarvi anche Rino. A presto, Annarita

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog

Tutto inizia da adesso

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione

Io e la mia città

Appunti democratici su Roma

biblioragazzi

Biblioteche per ragazzi in Italia e nel mondo

Il bandolo della matassa

Ho bisogno di manualità e di creatività, partendo dalle piccole cose. Di riscoprire materiali che sanno riscaldare, avvolgere e colorare. Ho bisogno di leggerezza, di spazi aperti e tranquillità. Di riscoprire, nella semplicità, momenti in cui lasciare andare la mente. Ho bisogno di ritrovare il "bandolo della matassa"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: