Nel paese dei mostri selvaggi

NelPaeseDeiMostriSelvaggiTitolo: Nel paese dei mostri selvaggi
Testo e illustrazioni: Maurice Sendak
Traduzione: Antonio Porta
Pagine: 48
Edizione Babalibri, 1999
Prezzo € 12,5

Considerato da anni il più geniale illustratore di narrativa infantile, tanto da essere definito il “Picasso dei libri per bambini”, Maurice Sendak nacque a Brooklyn nel 1928 da genitori emigrati di origine polacca. La sua attività di disegnatore cominciò sui banchi di scuola. A 20 anni attirò l’attenzione di un grande commerciante con i propri giocattoli animati in legno e a 31 anni aveva già pubblicato circa una cinquantina di libri, traendo ispirazione, nei modi più diversi, da Mozart a Topolino a Henry James, dal romaticismo ai film di mostri, ma soprattutto dalla propria infanzia, a proposito della quale disse:
“La mia infanzia americana si compose di elementi disparati, aggregati stranamente. È stata un’infanzia colorata di memorie di cose mai vissute direttamente, vividamente trasmessemi dai miei genitori, di recente immigrati. Una vita di fantasia sfaccettata, forse tipica di molti bambini americani di prima generazione.”A sua volta ha ispirato le tesi di Bruno  Bettelheim (lo psicologo austrico che si è dedicato ai problemi dell’infanzia e in particolare all’autismo) ed è diventato un punto di riferimento per le nuove leve degli illustratori.

Riguardo la sua attività di autore, Sendak disse: “Sin dalla più tenera infanzia i bambini convivono con emozioni dirompenti; paura ed ansia fanno intrinsecamente parte della loro vita quotidiana, devono confrontarsi meglio che possono con continue frustrazioni. Proprio attraverso la fantasia i bambini giungono alla catarsi. Essa è il migliore strumento per dominare i Mostri Selvaggi. È il mio lasciarmi coinvolgere dall’inevitabile condizione dell’infanzia, la terribile vulnerabilità dei bambini e la loro lotta per divenire i Signori di tutte le Cose Selvagge, a conferire alla mia opera quella verità e quella passione che le si possono attribuire.”

Questo suo libro è il più famoso, fu scritto nel 1963 e venne subito tradotto in vari paesi europei e persino in Giappone, mentre in Italia apparve prima grazie alla casa editirce Emme Edizioni e poi fu successivamente riproposto da Babalibri nel 1999, diventando ben presto introvabile.
La critica  vide subito subito in questa storia una salutare rottura con l’ imperante tradizione di maniera e non a caso rientra fra i dieci libri per ragazzi più venduti in tutto il mondo.

Suppongo che anche stavolta, come nel caso di “Le avventure del topino Desperaux”, il fatto di riaverlo negli scaffali delle librerie sia influenzato in parte dall’uscita in America dell’omonimo film di Spike Jonze ad esso ispirato, prevista per ottobre 2009 sia negli Stati Uniti che nel nostro paese.

Sendak è stato il primo illustratore americano a ricevere il premio internazionale Andersen. Era il 1970, il medesimo anno in cui veniva attribuito al nostro Gianni Rodari come miglior scrittore per ragazzi.
E nel 2003 gli è stato attribuito il premio “Astrid Lindgren for Literature”, considerato il Nobel della letteratura per ragazzi, con la seguente motivazione: “Per la sua coraggiosa esplorazione dei segreti recessi dell’infanzia, che ha cercato di illuminare con fantasia e amore

La storia è molto semplice e proprio per questo ha coinvolto generazioni di bambini, che si sono immedesimati nel piccolo Max travestito da lupo, tanto discolo e insopportabile che la mamma spedisce in castigo senza cena nella propria cameretta. E dalle quattro mura familiari si sviluppa la magnifica avventura di Max che lo porta nel lontano paese abitato da mostri selvaggi.

Max in castigoLa foresta nella stanzaNel paese_1E appena arrivato nel paese dove abitano i mostri selvaggi quelli ruggirono terribilmente, digrignarono terribilmente i dentiNel paese_2 rotearono tremendamente gli occhi e mostrarono gli artigli orrendi

A cuccia_1fino a che Max gridò: -A CUCCIA!- e li domò con il trucco magico di fissarli negli occhi gialli

A cuccia_2senza battere ciglio e quelli ebbero paura e proclamarono che lui era più mostro selvaggio di tutti

Re_1e lo fecero re di tutti mostri selvaggi

Re_2 -E adesso- urlò Max -attacchiamo la ridda selvaggia!”

 

Ridda selvaggia_1Ridda selvaggia_2
Ma divenuto Signore di tutte le Cose Selvagge, come dice Sendak, Max riscopre tutta la propria vulnerabilità di bambino e  il familiare profumo delle buone cose da mangiare preparate dalla mamma lo avvolge, facendolo rinunciare in men che non si dica alla corona di re di tutti i mostri selvaggi. E Max ritorna nella sua cameretta dove trova la cena ancora calda che la mamma gli ha lasciato.

La cenaÈ un inno alla libertà e all’indipendenza, alla crescita e alla consapevolezza, permeati dalla coscienza della presenza rassicurante della famiglia. Un rito di passaggio attraverso la scoperta del diverso, per conoscere e dominare il Mostro Selvaggio che è in noi e un ritorno alla serenità, quella familiare serenità che profuma di cena tenuta in caldo dalla mamma.

Annunci

19 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. utente anonimo
    Apr 26, 2009 @ 19:22:00

    da Giuliano:
    che bei mostri! ricorda un po’, al passato, Little Nemo (soprattutto la vignetta finale) e molto i fumetti americani anni 60, come Robert Crumb, che sarebbero venuti dopo. Ancora una volta, complimenti per la scelta.

    Rispondi

  2. utente anonimo
    Apr 26, 2009 @ 19:22:00

    da Giuliano:
    che bei mostri! ricorda un po’, al passato, Little Nemo (soprattutto la vignetta finale) e molto i fumetti americani anni 60, come Robert Crumb, che sarebbero venuti dopo. Ancora una volta, complimenti per la scelta.

    Rispondi

  3. utente anonimo
    Apr 26, 2009 @ 19:22:00

    da Giuliano:
    che bei mostri! ricorda un po’, al passato, Little Nemo (soprattutto la vignetta finale) e molto i fumetti americani anni 60, come Robert Crumb, che sarebbero venuti dopo. Ancora una volta, complimenti per la scelta.

    Rispondi

  4. woodstock74
    Apr 28, 2009 @ 16:00:00

    Che bello! Devo procurarmelo, per leggerlo a Sofietta. Lei è una tale fifona, che sicuramente le farebbe bene. Grazie per le dritte. Ciao

    Rispondi

  5. woodstock74
    Apr 28, 2009 @ 16:00:00

    Che bello! Devo procurarmelo, per leggerlo a Sofietta. Lei è una tale fifona, che sicuramente le farebbe bene. Grazie per le dritte. Ciao

    Rispondi

  6. woodstock74
    Apr 28, 2009 @ 16:00:00

    Che bello! Devo procurarmelo, per leggerlo a Sofietta. Lei è una tale fifona, che sicuramente le farebbe bene. Grazie per le dritte. Ciao

    Rispondi

  7. annaritav
    Apr 30, 2009 @ 18:24:00

    Giuliano, i fumetti americani sono un mondo che ho tentato varie volte di esplorare, ma è molto vasto e il tempo scarseggia. però non dispero. Grazie per l’apprezzamento.
    Barbara, vedrai che Sofietta troverà irresistibili questi mostri selvaggi che un bambino riesce a domare fissandoli negli occhi.
    Salutissimi, Annarita.

    Rispondi

  8. annaritav
    Apr 30, 2009 @ 18:24:00

    Giuliano, i fumetti americani sono un mondo che ho tentato varie volte di esplorare, ma è molto vasto e il tempo scarseggia. però non dispero. Grazie per l’apprezzamento.
    Barbara, vedrai che Sofietta troverà irresistibili questi mostri selvaggi che un bambino riesce a domare fissandoli negli occhi.
    Salutissimi, Annarita.

    Rispondi

  9. annaritav
    Apr 30, 2009 @ 18:24:00

    Giuliano, i fumetti americani sono un mondo che ho tentato varie volte di esplorare, ma è molto vasto e il tempo scarseggia. però non dispero. Grazie per l’apprezzamento.
    Barbara, vedrai che Sofietta troverà irresistibili questi mostri selvaggi che un bambino riesce a domare fissandoli negli occhi.
    Salutissimi, Annarita.

    Rispondi

  10. giuba47
    Mag 12, 2009 @ 15:00:00

    Davvero molto carino ebelle le illustrazioni.
    Ciao,
    Giulia

    Rispondi

  11. giuba47
    Mag 12, 2009 @ 15:00:00

    Davvero molto carino ebelle le illustrazioni.
    Ciao,
    Giulia

    Rispondi

  12. giuba47
    Mag 12, 2009 @ 15:00:00

    Davvero molto carino ebelle le illustrazioni.
    Ciao,
    Giulia

    Rispondi

  13. annaritav
    Mag 15, 2009 @ 13:00:00

    Una storia semplice, ma molto efficace, Giulia. Sono curiosa di vedere il film che ne stanno ricavando, un abbraccio. Annarita

    Rispondi

  14. utente anonimo
    Dic 27, 2009 @ 11:56:00

    ricordo perfettamente il libro e le illustrazioni, quando me lo leggeva mia mamma e poi da più grandicella quando cercavo di leggerlo da sola.
    il ricordo delle sensazioni che questo libro mi faceva provare è un’emozione indescrivibile-
    il film invece è deludente, trasformato in una storia di traumi, famiglie divise, solitudine e disperazione.
    brutta la trasposizione "moderna"

    grazie Annarita per avermi ricordato com’era nell’originale libricino

    Alice

    Rispondi

  15. utente anonimo
    Dic 27, 2009 @ 11:56:00

    ricordo perfettamente il libro e le illustrazioni, quando me lo leggeva mia mamma e poi da più grandicella quando cercavo di leggerlo da sola.
    il ricordo delle sensazioni che questo libro mi faceva provare è un’emozione indescrivibile-
    il film invece è deludente, trasformato in una storia di traumi, famiglie divise, solitudine e disperazione.
    brutta la trasposizione "moderna"

    grazie Annarita per avermi ricordato com’era nell’originale libricino

    Alice

    Rispondi

  16. utente anonimo
    Dic 27, 2009 @ 11:56:00

    ricordo perfettamente il libro e le illustrazioni, quando me lo leggeva mia mamma e poi da più grandicella quando cercavo di leggerlo da sola.
    il ricordo delle sensazioni che questo libro mi faceva provare è un’emozione indescrivibile-
    il film invece è deludente, trasformato in una storia di traumi, famiglie divise, solitudine e disperazione.
    brutta la trasposizione "moderna"

    grazie Annarita per avermi ricordato com’era nell’originale libricino

    Alice

    Rispondi

  17. annaritav
    Dic 28, 2009 @ 09:33:00

    Grazie, Alice, per aver condiviso il tuo ricordo. Dunque il film è stato davvero deludente come avevo letto! Sono contenta di aver rinunciato a vederlo, per mantenere intatta nei miei ricordi tutta la magia della storia
    Salutissimi e cordiali auguri per uno scoppiettante 2010.

    Rispondi

  18. annaritav
    Dic 28, 2009 @ 09:33:00

    Grazie, Alice, per aver condiviso il tuo ricordo. Dunque il film è stato davvero deludente come avevo letto! Sono contenta di aver rinunciato a vederlo, per mantenere intatta nei miei ricordi tutta la magia della storia
    Salutissimi e cordiali auguri per uno scoppiettante 2010.

    Rispondi

  19. annaritav
    Dic 28, 2009 @ 09:33:00

    Grazie, Alice, per aver condiviso il tuo ricordo. Dunque il film è stato davvero deludente come avevo letto! Sono contenta di aver rinunciato a vederlo, per mantenere intatta nei miei ricordi tutta la magia della storia
    Salutissimi e cordiali auguri per uno scoppiettante 2010.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: