Tristano e Isotta

CopertinaTitolo: Tristano e Isotta
Autore: Béatrice Fontanel
Illustratore: Aurélia Fronty
Traduttore: Adelina Galeotti
Editore: Donzelli
Prezzo: euro 24,00
Età di lettura: Dai 10 anni in poi

Di solito le storie d’amore non appassionano i lettori in bilico tra l’infanzia e l’adolescenza, le temono come troppo sdolcinate, un’indigestione di smancerie simili a zucchero filato. Nella versione cinematografica de La principessa sposa di William Goldman il piccolo Jimmy, a letto malato, riceve la visita del nonno che si appresta a leggergli la storia e il ragazzino teme si tratti di una vicenda piena di romanticherie da bambine.
Non corrono certo questo rischio i lettori di Tristano e Isotta, antica leggenda medievale resa famosa da Richard Wagner e rielaborata dalla penna di Béatrice Fontanel, arricchita dalle illustrazioni di Aurélia Fronty e ben tradotta da Adelina Galeotti.

Tristano
Una storia che si fa gustare due volte.
Per immergersi nel tessuto di una storia immortale che ha tutto il sapore di una ballata medievale pur nella semplice, ma non semplicistica, riproposizione dell’autrice, che ha tolto la patina di polvere e di austerità che ne fa una storia per palati adulti, rendedola viva e palpitante nell’essenziale nobiltà che pur corona una storia d’amore illegittimo.

Ascoltate, gente, ascoltate la storia,
del valente Tristano e della dolce Isotta
che si amarono così tanto che oggi ancora
si sente, dal fondo della nostra memoria,
il loro cuore battere all’unisono.

IsottaPer godere della bellezza e della ricchezza delle immagini, i capolettera e i disegni a tutta pagina dai colori vivaci e contrastanti che fanno pensare ad antichi arazzi pur nella moderna essenzialità delle linee e dello stile.

I loro corpi sono sepolti in tombe separate,
ma poco dopo il funerale,
due arbusti vigorosi cominciano a crescere,
tendendo i rami l’uno verso l’altro,
per poi avvinghiarsi instricabilmente.

Tombe con alberiLa storia di un amore che va oltre i limiti della magia e del tempo perché il sentimento di Tristano e Isotta, nato dall’involontaria assunzione del filtro magico che avrebbe dovuto favorire l’unione  matrimoniale tra Isotta e re Marco di Cornovaglia, perdura anche dopo che l’effetto del filtro è svanito.
Un amore tenace, profondo, che conosce la lealtà, l’onestà, la passione. Una storia di duelli, di fughe e di ritorni fino al tragico e inevitabile epilogo che le autrici e la traduttrice hanno saputo riproporre ai giovani lettori di oggi in una viva e palpitante rielaborazione, la quale pur lasciando intatta l’aura leggendaria della vicenda, la riveste di fresca attualità.

Forse non tutti hanno avuto la storia che volevano,
ma io l’ho raccontata meglio che ho potuto
e ho detto tutta la verità su Tristano e isotta.
La loro storia d’amore attraversa il tempo,
fresca come il biancospino,
e si racconta, ai piccoli e ai grandi,
da più di mille anni.

Re Marco

Annunci

4 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. utente anonimo
    Lug 23, 2011 @ 16:11:00

    D'indubbio fascino questo libro, soprattutto per la forza evocativa, l'eleganza e la grazia delle immagini. Mi ricorda un po' alcuni libri della Casa Editrice Paramica che propongono, con testi semplici ed immagini molto belle, opere musicali e balletti per i ragazzi. Buon fine settimana, Annita

    Rispondi

  2. annaritav
    Lug 28, 2011 @ 08:58:00

    Sì, li conosco. Un ottimo modo per avvicinare i piccoli lettori alle opere e alla danza. Grazie e buona giornata, Annarita

    Rispondi

  3. colfavoredellenebbie
    Ago 01, 2011 @ 22:50:00

    prenotato!
    (incantata dai disegni, anche)
    Un abbraccio, cara Annarita.

    Rispondi

  4. annaritav
    Ago 02, 2011 @ 19:44:00

    Bene, cara Zena! Un abbraccio anche a te!
    Annarita

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog.wordpress.com/

Tutto inizia da adesso

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione

Io e la mia città

Appunti democratici su Roma

biblioragazzi

Biblioteche per ragazzi in Italia e nel mondo

Il bandolo della matassa

Ho bisogno di manualità e di creatività, partendo dalle piccole cose. Di riscoprire materiali che sanno riscaldare, avvolgere e colorare. Ho bisogno di leggerezza, di spazi aperti e tranquillità. Di riscoprire, nella semplicità, momenti in cui lasciare andare la mente. Ho bisogno di ritrovare il "bandolo della matassa"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: