Le favole di Lang_37

E così è terminato anche il ventiduesimo giro di traduzioni. Ecco qua il solito riepilogo.

Libro Blu: Pollicino. la celeberrima fiaba di Perrault non ha bisogno di presentazioni. (Francia)

Libro Rosso: Il ramo d’oro. Il principe Ghirigoro e la principessa Gambo di Cavolo sono tanto brutti d’aspetto quanto buoni e d’animo nobile e saranno ricompensati. (Francia)

Libro Verde: Rospetta. La splendida Prezzemolina viene trasformata da una strega in un orrendo rospo, ma farà felice un principe e ritroverà la propria bellezza. (Germania)

Libro Giallo: Il bambino e i lupi ovvero la promessa infranta. Il fratello minore viene abbandonato dai fratelli maggiori nonostante la promessa fatta ai genitori e finirà male. (Indiani d’America)

Libro Rosa: Come l’eremita aiutò a conquistare la figlia del re. Un giovane di buon cuore ottiene ricchezza e amore grazie a un eremita e ai suoi consigli. (Italia, Sicilia)

Libro Grigio: Lo sciacallo e la sorgente. Uno sciacallo crede di essere furbo, ma troverà chi è più furbo di lui. (Africa)

Libro Viola: Il Nunda, mangiatore di uomini. Il figlio minore del sultano è ritenuto dai genitori un buono a nulla, invece si rivelerà un giovane audace e intelligente. (origine Swahili)

Libro Cremisi: Come il giovane mendicante fu trasformato nel conte Piro. Una piccola volpe astuta fa la fortuna di un ragazzo povero e senza futuro. (Italia, Sicilia)

Libro Marrone: Il principe e i tre destini. Al principe vengono profetizzati tre destini avversi ma la principessa che lo sposa lo salverà da ognuno di essi. (Egitto)

Libro Arancione: La ragazza pesce. una ragazza frivola e pigra viene trasformata in un pesce, ma sarà coraggiosa e abile troverà anche l’amore. (Spagna, Catalogna)

Libro Oliva:Il principe serpente. La curiosità della moglie causa la rovina del marito, ma tutto finirà bene. (India, Punijab)

Libro Lilla: Il verme del lampone. Aina e Lisa salvano un verme dei lamponi e saranno ben ricompensate per la loro bontà. (Finlandia)

Vacanze in balcone

20170708

Non c’è niente di meglio che stare sdraiati accanto a una piscina con in mano una bibita ghiacciata. È la vacanza che ho sempre sognato. E che continuerò a sognare…

Che cosa accade se un papà che non vuole sfigurare davanti a un antipatico vicino spara una bugia grossa come una casa e dice a tutti i condòmini che sta per partire con la famiglia per una vacanza alle Maldive?

Sì, è proprio questo che fa Giacomo Capossi, di professione tipografo, davanti ai vicini riuniti per la solita piccola sfida del Circolo delle Freccette. Giacomo ha la brutta abitudine di raccontare storie incredibili e se la moglie Rossella e i figli Brooke e Tex oramai non ci cascano più, amici e conoscenti invece si lasciano ancora abbindolare dalla sua parlantina.

Stavolta è in gioco l’onore della famiglia, bisogna fare in modo che tutto il vicinato della solitaria palazzina in via dei Crisantemi creda alla partenza della famiglia Capossi per questa fortunata vacanza vinta con i punti del supermercato.

Chiunque al posto dei nostri eroi si sarebbe perso d’animo, soprattutto alla notizia, come un fulmine a ciel sereno, che il signor Giacomo oltretutto è stato licenziato perché la tipografia chiude.

Non vi racconto che cosa s’inventa l’intraprendente famiglia, sorprendentemente coadiuvata dal nonno Alarico che ritrova la voglia di vivere, e mi soffermo sul messaggio che questa breve e fresca storia trasmette.

In un’epoca di connessione e di social network come la nostra, mentire è sia facile che difficile, lo impara a sue spese Brooke che non può collegarsi a  Facebook e postare foto di un luogo in cui non si trova, ma paradossalmente è proprio la rete a fornire ai nostri mancati vacanzieri ciò che al finto rientro avvalorerà la tesi della vacanza alle Maldive.

Costretti a inventarsi una strategia comune, che garantisca loro la necessaria abbronzatura e salvi le apparenze, i Capossi scopriranno che quel forzato periodo in casa cementa la loro unione, che è facile divertirsi e stare bene insieme senza dover per forza andare lontano e che la fantasia è sempre più potente della realtà. Una volta finto il trionfale rientro dalle vacanze per la famiglia Capossi nulla sarà più uguale a prima e la mania del nonno di collezionare punti e inviarli ai concorsi a premi darà finalmente e davvero i propri frutti.

Una storia che fa sorridere e riflettere sulla nostra condizione di vittime, o più o meno consapevoli, del giudizio degli altri e sulle grandi possibilità che la fantasia e i potenti mezzi di comunicazione ci mettono a disposizione.

L’autrice di questa gradevole storia è la giornalista e scrittrice Fulvia Degl’Innocenti, le illustrazioni sono di Noemi Vola e il libro fa parte del progetto di alta leggibilità che la Biancoenero Edizioni  sviluppa da tempo. Un progetto i cui cardini sono le accortezze sintattiche e lessicali, capitoli brevi e paragrafi spaziati, righe di lunghezza irregolare per seguire il ritmo della narrazione, carattere tipografico studiato per chi ha problemi di dislessia e infine carta color crema che stanca meno la vista.

Come tutti i libri di questo progetto anche Vacanze in balcone è passato al veglio della Redazione Ragazzi, i cui componenti hanno letto in bozza, proponendo suggerimenti e modifiche in base alle difficoltà incontrate nella lettura.