Quando l’usignolo

Quando l'usignolo

Siete abituati a leggere qui le mie recensioni ai libri degli altri, stavolta invece ho la soddisfazione di parlarvi di un libro uscito dalla mia penna, il terzo dopo i due testi di narrativa per ragazzi della scuola media.

La soddisfazione è aumentata dal fatto che il mio è un piccolo e coraggioso editore, Alessio Brandolini, che si è affacciato da circa un anno nel panorama letterario ed ha cominciato la sua produzione con una collana di poesia, poeta lui stesso.

La casa editrice, Edizioni Fili d’Aquilone, ha il medesimo nome della rivista on line alla quale collaboro e il mio libro è il primo testo della neonata collana le ali, dedicata alla narrativa young adults.

Veniamo alla storia.

Si tratta di un romanzo che ho scritto diversi anni fa e che era sempre rimasto nel cassetto.

Nonostante il computer, che nel frattempo aveva soppiantato la mia cara macchina per scrivere elettrica, regalo di mio padre, l’ho scritto tutto a mano e conservo con cura i quaderni dalla pesante copertina di cartone rosso, che ho riempito con la mia pessima grafia, e il taccuino sul quale ho raccolto minuziosi appunti e persino disegni; riguardo questi ultimi non vi starò a dire con quale esito 🙂

Sì, perché la storia è ambientata negli anni a cavallo tra la prima e la seconda metà del XIII secolo.

Sin dai tempi della scuola ho avuto una grande passione per la storia, in particolare per la storia medievale e così, quasi per sfida, ho cominciato a mettere insieme i pezzi di questa vicenda che ha tre protagonisti: Vieri, figlio dei signori del borgo, Viviana e Jacopo, figli dei loro nobili e fraterni amici. Li conosciamo bambini e li lasciamo dopo che l’amore, la guerra, la gelosia, le responsabilità hanno fatto di loro degli adulti.

Mi appassionava l’idea di sviluppare in un’epoca così lontana una storia che, tutto sommato, potrebbe benissimo accadere anche oggi. Sono adolescenti a loro modo fragili, che crescono in un mondo nel quale l’onore ha un grande peso, ma devono fare i conti con loro stessi, con i genitori, con la realtà che li circonda e li condiziona.

Vi offro un assaggio dell’inizio del libro, senza anticiparvi nulla per non togliervi il piacere, spero, di scoprire da soli questa storia d’amore e di coraggio, di sacrificio e di maturazione.

In conclusione, semplici e utili indicazioni per procuravi il libro, se lo vorrete 🙂

Buona lettura.

Annunci

19 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Blanche
    Ott 05, 2012 @ 21:23:43

    Complimenti!!! Complimenti davvero, e tanti! L’inizio e’ stuzzicante….e se avessi una PayPal avrei già’ cliccato per l’acquisto. Momentaneamente posso solo farti pubblicità’. Felice di conoscere, anche solo via web, una scrittrice e per di più’ brava!!! Baci.

    Rispondi

    • annaritaverzola
      Ott 06, 2012 @ 11:26:36

      Grazie, Blanche! Non ti preoccupare, nella pagina dedicata agli acquisti ci sono altri modi per acquistarlo; se non hai un conto PayPall, non è un problema, va bene qualsiasi altra carta di credito. Spero di avere presto un tuo parere, buon fine settimana!

      Rispondi

  2. Gaspare Armato
    Ott 06, 2012 @ 01:31:10

    Complimenti, Annarita, leggo che si tratta di un romanzo ambientato nel Medioevo, anch’essa epoca storica a me cara.
    In bocca al lupo.

    Rispondi

  3. annitapozzani
    Ott 06, 2012 @ 13:03:48

    Che bella notizia! Congratulazioni e in bocca al lupo per il tuo libro e per la nuova casa editrice! Buon fine settimana, Annita

    Rispondi

  4. annitapozzani
    Ott 06, 2012 @ 13:04:44

    Reblogged this on Annitapoz's Weblog.

    Rispondi

  5. gabrilu
    Ott 06, 2012 @ 17:48:38

    Che bella notizia!
    Ma per me non è una sorpresa, sospettavo che stessi cucinando qualcosa di speciale 🙂
    Complimenti e in bocca al lupo!

    Rispondi

  6. Teresa
    Ott 06, 2012 @ 18:45:39

    Complimentissimi…allora devo fare questa carta….il medioevo è uno dei miei periodi preferiti..
    Un bacione

    Rispondi

  7. annaritaverzola
    Ott 07, 2012 @ 11:08:24

    Grazie, Teresa, se lo leggerai, mi farà piacere conoscere il tuo parere. Un bacione anche a te 🙂

    Rispondi

  8. Federico Platania
    Ott 08, 2012 @ 10:02:23

    Congratulazioni!

    Rispondi

  9. Endimione
    Ott 08, 2012 @ 19:13:51

    Ciao Annarita, ti scrivo qui perchè so se hai visto la risposta nel mio blog 😉
    mi piacerebbe moltissimo recensire il tuo libro, hai voglia di metterti in contatto con me e di mandarmi trama e riferimenti a questo indirizzo: phedre56@yahoo.it che intanto ne faccio un post?

    Rispondi

  10. Viviana del Lago
    Ott 10, 2012 @ 14:35:43

    Ho letto l’inizio, mi è piaciuto molto, voglio continuarlo.

    Rispondi

  11. Viviana del Lago
    Nov 12, 2012 @ 09:00:43

    Letto! La cosa che ho apprezzato di più è stata la non esasperazione dei personaggi. Non c’è il cattivo assoluto contro cui combattere. Sono tutte persone sostanzialmente buone e positive che fanno del loro meglio con le difficoltà della vita e del carattere che ognuno si porta dietro.

    Rispondi

  12. annaritaverzola
    Nov 13, 2012 @ 17:17:26

    Grazie, Serena! Apprezzo molto il tuo giudizio. Un abbraccio, Annarita

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog.wordpress.com/

Tutto inizia da adesso

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione

Io e la mia città

Appunti democratici su Roma

biblioragazzi

Biblioteche per ragazzi in Italia e nel mondo

Il bandolo della matassa

Ho bisogno di manualità e di creatività, partendo dalle piccole cose. Di riscoprire materiali che sanno riscaldare, avvolgere e colorare. Ho bisogno di leggerezza, di spazi aperti e tranquillità. Di riscoprire, nella semplicità, momenti in cui lasciare andare la mente. Ho bisogno di ritrovare il "bandolo della matassa"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: