The frog prince

Questa volta sono qui a parlarvi di uno spettacolo teatrale in inglese che è stato rappresentato nella scuola in cui lavoro, The frog prince. I piccoli spettatori si sono divertiti molto, hanno riso e interagito allegramente, dimostrando che il lavoro preparatorio dei loro insegnanti ha permesso loro di apprezzare uno spettacolo in cui parola e gestualità,  coniugandosi brillantemente, hanno dato vita a una parentesi di arricchimento e di divertimento. Adesso lascio la parola ai membri della compagnia Bue Tiger Theatre attraverso le domande che ho rivolto a Francesca Albanese, protagonista dello spettacolo con Douglas Dean e Micky Martin.

Ho inserito alcune foto di scena che la compagnia mi ha gentilmente fornito.

Chi è Francesca Albanese e chi sono i suoi compagni d’avventura?

Francesca Albanese è un’attrice romana che si è formata presso la Link Academy, l’Accademia Europea di Arte Drammatica, laureandosi nel 2010. Il suo debutto professionale a teatro è stato al Teatro Belli con la produzione di Julius Caesar della “Eternal Lines” ed in televisione nel programma di RAI 1 Uno Mattina. Francesca ha trascorso diversi mesi in Inghilterra arricchendo il suo percorso formativo con il training anglosassone.


Douglas Dean si è formato come attore presso l’acclamata compagnia CAT (Repertory Theatre Company) e proseguendo gli studi di Recitazione Classica presso LAMDA (London Academy of Music and Dramatic Arts) e RADA (Royal Academy of Dramatic Arts). La sua attività spazia tra teatro, film, televisione, radio, audio books, doppiaggio e pubblicità. Ha lavorato come insegnante di recitazione coprendo l’intero percorso scolastico, dalla materna alla scuola superiore. Detiene la cattedra di “Acting” presso la Link Academy, dove, nel 2009, ha conosciuto Francesca.  


Micky Martin è nato in Canada ma si è trasferito in Irlanda vent’anni fa, prima di stabilirsi a Roma l’anno scorso. Si è formato presso Theatre Aquarius, Accademia di Arte Drammatica e proseguendo con lo studio della Danza Moderna presso l’Università di Waterloo. E’ un cantautore riconosciuto, vincitore di molti premi, e suona cinque strumenti a livello professionale. Come attore e musicista Micky si è esibito a New York, Londra, Sydney, Dublino e Toronto.


– Com’è nato il vostro gruppo teatrale?

Questo gruppo teatrale prende vita nel 2011 come ramo della preesistente “Eternal Lines”, la più innovativa compagnia professionista di Teatro in Lingua Inglese che si è affermata sulla scena romana con il suo stile potente e creativo.

“Blue Tiger Theatre” nasce contemporaneamente al trio che la compone (Douglas Dean, Artistic Director; Micky Martin, Managing Director; Francesca Albanese, Marketing Manager), unitosi con l’intenzione di fondere le peculiari caratteriste di lavoratori e performer di ognuno col solo scopo di produrre teatro per bambini e per giovani adulti di alta qualità e di standard professionale. Il suo compito è quello di promuovere lo sviluppo della sensibilità dei bambini nei confronti delle Arti e di sostenere le scuole che credono nel teatro come forma preziosissima di sostegno all’educazione.

È dimostrato che i bambini che assistono a rappresentazioni teatrali migliorano le proprie capacità di lettura, scrittura e linguaggio. Il teatro incoraggia lo sviluppo dell’immaginazione applicata (vs la TV) e della capacità di socializzazione, stimola il pensiero indipendente, l’empatia verso il diverso, la consapevolezza di come le proprie azioni condizionano gli altri, incita a guardare oltre l’apparenza. È un momento creativo che li aiuta a confrontarsi con i dilemmi e le sfide della vita, permettendo anche ai più giovani di apprezzare l’estetica e la profondità delle arti visive e consentendo loro l’espressione sana e divertente di emozioni di gruppo.


– Quando è cominciata la vostra attività teatrale rivolta ai più piccoli?

La nostra prima produzione per i più piccoli è stata The Frog Prince, basata sulla fiaba di Hans Christian Andersen e stilisticamente ispirata al brillante Revolting Rhymes di Roald Dahl. Il testo, tutto in rima baciata, è stato scritto da Douglas, più di dieci anni fa, per un lungo tour in Inghilterra. Riadattato tramite un attento lavoro e con l’aggiunta di diversi interventi in italiano scritti da Francesca, lo spettacolo ha debuttato finalmente in Italia, nei mesi di Novembre e Dicembre 2011.


– Come si crea uno spettacolo adatto ai più piccini? Quali sono le difficoltà che incontrate?

Scrivere e recitare per i più giovani è estremamente difficile. Innanzi tutto bisogna ricordare che i bambini hanno un senso dell’umorismo molto più sofisticato di quello che erroneamente si può credere. Inoltre la loro immaginazione, così ricca e vivida, li porta ad accettare in modo assolutamente spontaneo ogni tipo di personaggio o situazione proposta, ma bisogna essere davvero convincenti, altrimenti smettono di crederci!
Bisogna anche tenere conto delle differenze di età: è diverso quando si ha davanti un pubblico di cinque anni o quando si è difronte ai ragazzi delle medie. Trovare il giusto equilibrio è essenziale.


– Come si organizza uno spettacolo in lingua inglese e come rispondono i piccoli spettatori?

Le produzioni di “Blue Tiger Theatre” sono specificatamente adatte per i bambini che vivono in Italia. Le storie sono chiare e lineari, piene di personaggi variopinti che possano far centro nella loro smagliante fantasia. I momenti essenziali di passaggio della storia vengono recitati sia in inglese che in italiano attraverso degli interventi che li coinvolgono direttamente, riadattati a seconda della loro età, per interagire nel modo più appropriato.

La musica ed il linguaggio del corpo sono invece universali! Una recitazione coinvolgente coadiuvata dall’atteggiamento positivo di chi vuole raccontare una storia non può fallire su un pubblico così aperto e disponibile come quello composto da una scolaresca giovane e priva di inibizioni. In più c’è tanto spazio alla comicità che fa proprio colpo su tutti, sulle classi di prima elementare come su quelle di terza media, e che diverte decisamente anche gli insegnanti!

Al termine della performance sappiamo di aver provveduto ad un piacevole intrattenimento, ma soprattutto di aver creato un prezioso approccio all’inglese, fornendo un contatto diretto e reale con la lingua, con la pronuncia, con i suoni e le intonazioni, con un mondo diverso, fatto di gioco, di riso e di messaggi importanti che, anche se comunicati in un linguaggio straniero, arrivano dritti al cuore


– Vi proponete su tutto il territorio nazionale, nelle scuole e nei teatri?

“Blue Tiger Theatre” è’ una compagnia itinerante che porta i suoi spettacoli direttamente all’interno delle scuole internazionali ed italiane su tutto il territorio nazionale, offrendo l’opportunità agli studenti di assistere ad uno spettacolo dal vivo, i cui benefici sociali e educativi sono ben documentati, ma anche la possibilità alle scuole di risparmiare tempo e denaro per l’organizzazione di una gita scolastica e l’affitto di un pullman.

 “Eternal Lines”, la compagnia professionista di Teatro in Lingua Inglese, opera nei teatri, offrendo spettacoli serali ma anche matinée per le scuole superiori.

– Quali sono stati i vostri spettacoli di maggior successo?

Nel 2011 le maggiori produzioni di “Eternal Lines” sono state Women of Troy di Euripide e Julius Caesar di William Shakespeare, che ha avuto un grande successo di pubblico e di critica presso il Teatro Belli di Roma, nel cuore di Trastevere, nel Gennaio 2011. Il teatro Belli ospiterà, infatti, una nuova produzione di “Eternal Lines” dal 21 al 26 Febbraio 2012: la compagnia torna a dare vita agli immortali versi shakespeariani con lo spettacolo Twelfth Night, dove alcuni dei ruoli principali saranno impersonati da Micky, Francesca e Douglas, che ne firma anche la regia.

The Frog Prince è stato il primo successo di “Blue Tiger Theatre”: abbiamo inizialmente utilizzato i nostri contatti professionali per stabilire le prime prenotazioni. In seguito alcune scuole che avevano ospitato lo spettacolo hanno richiesto nuove repliche per gli studenti di altre classi. Molti insegnanti, entusiasti, hanno telefonato ad altri colleghi di altre scuole per invitarli a partecipare all’iniziativa. Il passa parola ha trasformato questa nostra prima iniziativa in un vero e proprio successo e di tutte le scuole che hanno visto The Frog Prince, il 100% ha richiesto una nuova produzione in primavera.

The Frog Prince ha ricevuto entusiastiche recensioni dalle scuole, come ad esempio:

“The children loved The Frog Prince…the jokes and Italian input were enjoyed extremely by both children and adults alike. We can’t wait to see another show!”
“Ai bambini è piaciuto moltissimo The Frog Prince… le battute e gli interventi in italiano sono stati estremamente apprezzati sia dai bambini che dagli adulti. Non vediamo l’ora di vedere un altro spettacolo!”

Ms. Valerie Hughes, Core International School, Rome

“In 15 years at this school, this is by far the best theatre for children that I have seen.”
“In 15 anni passati in questa scuola, questo è di gran lunga il miglior teatro per bambini che ho mai visto.”

Lionel, Year 2 Teacher, New School, Rome

“Un magnifico spettacolo, molto gradito da tutti i nostri bambini. Gli alunni hanno trovato molto divertente l’interpretazione degli
attori di più personaggi e hanno apprezzato in particolare la recitazione in rima, che ha reso la fiaba molto originale e gradevole.”

Insegnante Marinella Palmieri, Scuola S. Francesco di Sales, Roma


“Blue Tiger Theatre” è in procinto di replicare The Frog Prince per ancora due settimane, dal 27 Febbraio al 9 Marzo 2012. Il tour primaverile, con un nuovo spettacolo, inizierà il 13 Aprile e terminerà il 5 Maggio 2012.

Per informazioni su come ospitare lo spettacolo nella tua scuola invia un e-mail a bluetigertheatre@yahoo.com o chiama Francesca al 347 2264053.

For information regarding a performance at your school in Rome or across Italy, please email bluetigertheatre@yahoo.com or telephone 339 7096475.

Annunci

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. annitapoz
    Feb 02, 2012 @ 20:40:28

    Che combinazione! Proprio in questi giorni nel Circolo didattico di Cerea si è svolto, in orario pomeridiano aggiuntivo, un progetto d’inglese intitolato “I love english” con la presenza di lettori-attori madrelingua e che si concluderà domani sera con uno spettacolino teatrale, dove i protagonisti saranno i bambini che hanno aderito a questa offerta formativa.
    Bello l’articolo sullo spettacolo “The frog prince”.
    Un abbraccio, Annita

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog.wordpress.com/

Tutto inizia da adesso

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione

Io e la mia città

Appunti democratici su Roma

biblioragazzi

Biblioteche per ragazzi in Italia e nel mondo

Il bandolo della matassa

Ho bisogno di manualità e di creatività, partendo dalle piccole cose. Di riscoprire materiali che sanno riscaldare, avvolgere e colorare. Ho bisogno di leggerezza, di spazi aperti e tranquillità. Di riscoprire, nella semplicità, momenti in cui lasciare andare la mente. Ho bisogno di ritrovare il "bandolo della matassa"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: