Il Re del Fiume d’Oro

Titolo: Il re del fiume d’oro
Autore: John Ruskin
Traduttore: Paola Antonelli
Editore: Quid, 1994
Pagine: 68
Prezzo: £. 7.000 (€ 3,62)
Età di lettura: da 8 anni

Re-fiume oro

John Ruskin è conosciuto come un grande critico d’arte, ma anche come pittore, scrittore e poeta. Il suo spirito versatile si manifesta in questa bellissima fiaba così perfetta e calibrata nei suoi canoni classici da sembrar scaturita dalla penna di un consolidato autore di narrativa per bambini. Al di là della trama, il valore della fiaba di Ruskin sta nell’abilità con la quale è riuscito a rendere variegata e multiforme una storia sotto molti aspetti prevedibile, ma con un assennato insegnamento: la bontà e la fiducia, l’onestà e la perseveranza portano sempre e solo al bene. E spiega perfettamente Brigitte Schwaighofer nell’introduzione: Come in tutte le fiabe, anche qui gl’ingredienti sono sapientemente dosati, però lo spessore e l’abilità descrittiva di Ruskin sono tali da rendere estremamente ricca e multiforme una storia per certi versi già sentita. Ma proprio lo studio di questa multiformità e lo studio dei caratteri dei protagonisti da parte dell’autore londinese fa sì che il Il Re del Fiume d’oro si collochi tra le fiabe non già come il vano esercizio di uno scrittore che nulla ha a che vedere col mondo del fantastico, ma come espressione di un grande autore che anche in questa occasione vuole trasmettere al lettore emozioni poiché, come diceva Max Luthi, “nella fiaba l’universo appare riflesso come in quelle palline di vetro con cui i ragazzi giocano per la strada…

Protagonisti della fiaba ambientata in Stiria sono Hans, Schwartz e Gluck, tre fratelli assai diversi tra loro e padroni della splendida e fertile “valle dei tesori”, così chiamata per l’abbondanza dei suoi prodotti, attraversata da un ampio fiume.
Anticamente, in una remota e montagnosa regione della Stiria, c’era una valle sorprendentemente lussureggiante. Essa era completamente circondata da scoscese montagne rocciose che culminavano in picchi perennemente innevati dai quali si dipartivano innumerevoli torrenti che ne discendevano sotto forma di cascate. Uno di questi torrenti scorreva sul versante occidentale di un picco talmente alto che quando il sole tramontava e tutto intorno c’era soltanto il buio, gli ultimi raggi si riflettevano ancora sulle acque di quella cascata conferendole una tale lucentezza da farla assomigliare a una nuvola d’oro. Fu questo il motivo per cui la gente dei dintorni lo chiamò il Fiume d’oro.” (pagg.15-16)

La valleTanto  Hans e Schwartz sono crudeli e prepotenti, sfruttatori spietati dei contadini che lavorano la valle, quanto Gluck è buono e generoso, e perciò maltrattato dai fratelli al pari di un servo.
L’intera valle apparteneva a tre fratelli, Schwartz, Hans e Gluck. I due fratelli maggiori, Schwartz e Hans, avevano un aspetto orribile con le sopracciglia che sporgevano grottescamente dalla fronte e gli occhietti dall’espressione ottusa, costantemente socchiusi, che t’impedivano di guardare nel loro animo, ma ti davano invece l’impressione di poter scavare nel tuo.” (pag.17)

Gluck, il fratello minore, era quanto di più diverso da loro si potesse immaginare o desiderare, tanto nell’aspetto che nel carattere. Era un bel ragazzo di circa dodici anni con grandi occhi azzurri ed un grande amore per tutti gli esseri viventi.” (pag.18)

I tre fratelli
In una terribile serata di pioggia scrosciante il giovane Gluck disobbedisce ai perfidi fratelli, usciti ad ubriacarsi, e offre cibo e ospitalità a un viandante. La reazione di Hans e di Schwartz non si fa attendere, ma il misterioso ospite si rivela per ciò che realmente è, il forte Vento di Sud-Ovest, e punisce i due perfidi uomini soffiando sulla valle con una forza tale da distruggere tutti i raccolti per poi sparire, lasciando lentamente inaridire la terra fino a trasformarsi in un deserto.

Finalmente arrivò l’alba e i due fratelli si affacciarono dalla finestrella di Gluck per guardare il mattino. La Valle dei Tesori non era che rovina e devastazione. L’inondazione aveva spazzato vi alberi, messi e bestiame, lasciando dietro di sé uno strato di sabbia rossa e di melma grigia. I due fratelli entrarono in cucina rabbrividendo ancora per la paura. Anche qui l’acqua aveva trascinato via tutto: grano, denaro, mobilio, tutto, tranne il tavolo sul quale era rimasto un piccolo cartoncino bianco. a caratteri grandi e ariosi vi erano scritte queste parole: IL GRANDE SIGNORE IL VENTO DI SUD-OVEST. ” (pagg.31-32)

Il Vento di sud ovestPer combattere la povertà, Hans e Schwartz si trasferiscono nella città vicina e si danno ad una nuova attività, il commercio dell’oro accumulato in tanti anni di soprusi. Avidi e disonesti come sempre, fondono l’oro puro e lo lavorano con il rame, mentre il povero Gluck è sempre maltrattato e addirittura  obbligato a sacrificare l’unico suo bene, un bel boccale d’oro.
Il boccale aveva un aspetto veramente molto bizzarro. Il manico era formato da due trecce di fluenti capelli d’oro, così finemente lavorate da sembrare più seta che metallo. Queste due trecce discendevano lungo il boccale e andavano a confondersi con una barba e con dei mustacchi di altrettanta squisita lavorazione. Il tutto andava ad incorniciare e decorare un piccolo volto altero, dell’oro più rosso che si possa immaginare, proprio al centro del boccale stesso. la cosa più straordinaria erano gli occhi, talmente espressivi che sembravano emergere e dominare su tutta l’opera.” (pag.35)

Dopo la fusione del suo boccale prediletto, Gluck vede uscire dal crogiuolo addirittura il Re del Fiume d’oro che gli svela un segreto: chi verserà tre gocce d’acqua benedetta nel fiume, potrà trasformarlo in oro. L’impresa è allettante, ma assai rischiosa, perché se l’acqua non sarà pura, il malcapitato verrà trasformato in una pietra nera.

Il re del fiume dCostretto dai fratelli a rivelare il segreto, Gluck viene abbandonato a se stesso mentre i due cattivi fratelli, l’uno dopo l’altro, si procurano con l’inganno l’acqua benedetta e tentano la sorte. Lungo il difficile cammino s’imbattono in creature assetate, alle quali negano per egoismo anche una sola goccia d’acqua ed entrambi, come giusta punizione, appena rovesciano la fiaschetta nelle acqua del fiume, si vedono trasformare in pietre nere.
Rabbrividendo, staccò la fiaschetta dalla cintola e la scagliò al centro del torrente. Appena l’ebbe fatto, un brivido gelido gli percorse tutte le membra: Hans barcollò, urlò e cadde e le acque si chiusero sopra il suo grido. Il gemito del fiume si levò selvaggiamente nella notte quando prese a scorrere turbinando sopra Hans ormai divenuto la PIETRA NERA.” (pag.54)
Nel momento stesso in cui la fiaschetta toccò l’acqua, Schwartz fu accecato da un lampo e la terra si spalancò sotto i suoi piedi e lo inghiottì: le acque del fiume spensero il suo grido. Il gemito del fiume si levò selvaggiamente nella notte quando prese a scorrere turbinando sopra Schwartz ormai divenuto la SECONDA PIETRA NERA.” (pag.59)

Le pietre nereDopo giorni di angosciosa attesa Gluck decide di andare in cerca dei fratelli scomparsi e si procura un  po’ di acqua benedetta. Anche lui si imbatte nelle misere creature assetate e non esita a sacrificare l’acqua che ha con sé per dissetarle. Una di queste creature si rivela essere ancora una volta il Re del Fiume d’oro, il quale mostra a Gluck l’orrenda fine di Hans e di Schwartz. Di fronte a tale spettacolo, Gluck scoppia a piangere e le sue lacrime cadono nel fiume. Egli fa mestamente ritorno a casa, ma, giunto a valle, comprende il senso del segreto rivelatogli perché la valle in cui scorre il limpido fiume è tornata ad essere verde e fertile, accarezzata dal Vento di Sud-Ovest.
Mentre Gluck osservava meravigliato e attonito, lungo i nuovi ruscelli andava spuntando l’erba e piante rampicanti si distendevano sul suolo che andava arricchendosi d’acqua. Lungo le rive del fiume germogliavano improvvisamente nuovi fiori come stelle che risaltano sullo sfondo di un cielo all’imbrunire. E ancora, macchie di mortella e tralci di viti che man mano che crescevano allungavano le loro ombre sulla valle. Fu così che la Valle dei Tesori tornò ad essere il giardino di un tempo e i possedimenti, persi per malvagità, furono riconquistati grazie all’amore.” (pag.68)

Fine
Le illustrazioni sono di Dino Battaglia e sono tratte dalla storia a fumetti pubblicata sul Corriere dei Piccoli n. 52 del 29 dicembre 1968.

Le favole della settimana_17

Eccomi qua con il consueto aggiornamento delle favole tradotte.

Alla tua salute! (Libro cremisi) In questa favola russa un giovane pastore dagli occhi sbarrati rischia più volte la morte per il proprio testardo rifiuto di augurare salute al re quando starnutisce.

Il Bunyip (Libro marrone) In questa favola degli aborigeni australiani la terribile disavventura di un gruppo di cacciatori che sottraggono alla madre il proprio cucciolo.

Buona lettura!

Letterelettriche Edizioni

Casa Editrice digitale - E-books store

The Victorianist: BAVS Postgraduates

British Association for Victorian Studies Postgraduate Pages, hosted by Danielle Dove (University of Surrey) and Heather Hind (University of Exeter)

Mammaoca

Fiabe integrali e poco altro. Si fa tutto per i bambini

La Fattoria dei Libri

di Flavio Troisi, scrittore e ghostwriter

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

Butac - Bufale Un Tanto Al Chilo

Bufale Un Tanto Al Chilo

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog

Tutto inizia sempre da adesso in poi

Iridediluce

“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione