Tre grandi classici in versione pop up

Il libro animato è più conosciuto anche qui in italia come pop up e tale denominazione indica un’opera le cui pagine sono realizzate con una particolare struttura che offre al lettore la sensazione del movimento e l’illusione della tridimensionalità.
La storia dell’evoluzione del libro pop up  è piuttosto elaborata e come fenomeno commerciale è esploso negli ultimi due decenni.

Le forme più semplici di libri pop up sono da sempre state destinate ai bambini più piccoli, poi si sono via via evolute diventando vere e proprie opere interattive sulle quali il piccolo lettore può intervenire aprendo finestrelle e sportellini, tirando linguette che gli mostrano particolari e piccoli segreti.

Il libro pop up ha conosciuto poi un rapido sviluppo e questa tecnica non è più solo applicata ai libri per la prima infanzia, infatti i libri di cui voglio parlarvi oggi, pur essendo rivolti a pubblico la cui età di lettura va dagli otto anni, per la loro realizzazione accurata meritano di figurare anche in una biblioteca adulta.
Si tratta di tre volumi della casa editrice Ideeali dedicati a tre grandi classici della letteratura.

Dracula

titolo: Dracula
autore: Bram Stocker
pop up: David Hancock
disegni :Anthony Williams
storia: Claire Bampton
prezzo: euro 24,00

Frankenstein

titolo: Frankenstein
autore: Mary Shelley

pop up: David Hancock
disegni :Anthony Williams
storia: Claire Bampton
prezzo: euro 24,00

Un canto di natale

titolo: Un canto di Natale
autore: Charles Dickens
rivisitazione: Martin Howard
traduzione: Marianna Sala
prezzo: euro 26,50

In questi tre volumi di elegante fattura si fondono l’arte degli illustratori contemporanei e quella dei maestri del pop up per accompagnare testi rielaborati fedelmente dalle versioni originali, offrendo così al lettore una lettura visiva di grande impatto emotivo e arricchita di un notevole apparato di immagini evocative e intense, che lo proiettano nell’universo creato dai grandi autori di queste storie senza tempo.

Annunci

6 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. utente anonimo
    Giu 21, 2010 @ 18:48:00

    Leggo sempre con grande interesse i tuoi consigli e più volte ho reso felice una mia nipotina che ama leggere.Grazie QuindiUn abbraccioGiulia

    Rispondi

  2. nowhereman56
    Giu 25, 2010 @ 15:36:00

    Mi hai fatto riflettere sul fatto che certe invenzioni apparentemente addotte alla sfera del computer nascono altrove. Oggi pop-up è sinonimo di finestra che si apre durante la navigazione. Libri pop-up ne esistono da decenni, al contrario, anche se io sono troppo vecchio per averli conosciuti da bambino. Un caro saluto. M.

    Rispondi

  3. annaritav
    Giu 29, 2010 @ 08:36:00

    Sono felice di essere utile, Giulia Hai ragione, Maurizio, ma non siamo troppo grandi per goderceli adesso… Buona giornata, Annarita

    Rispondi

  4. cuoredigiada
    Giu 30, 2010 @ 18:56:00

    libri interessanti questi pop-up:)))

    Rispondi

  5. woodstock74
    Lug 15, 2010 @ 23:41:00

    Ce li ho questi pop up, ma non li amo molto se devo essere sincera. Sono una fan di Sabuda, soprattutto in coppia con Reinhart. 😉

    Rispondi

  6. annaritav
    Lug 25, 2010 @ 10:19:00

    È tutto un altro genere, Barbara, mi è piaciuta l'idea di veder trasformati in pop up dei classici.Un bacione, cuoredigiada!Salutissimi,

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog.wordpress.com/

Tutto inizia da adesso

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione

Io e la mia città

Appunti democratici su Roma

biblioragazzi

Biblioteche per ragazzi in Italia e nel mondo

Il bandolo della matassa

Ho bisogno di manualità e di creatività, partendo dalle piccole cose. Di riscoprire materiali che sanno riscaldare, avvolgere e colorare. Ho bisogno di leggerezza, di spazi aperti e tranquillità. Di riscoprire, nella semplicità, momenti in cui lasciare andare la mente. Ho bisogno di ritrovare il "bandolo della matassa"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: