re Artù

Il mondo eroico dei cavalieri della Tavola Rotonda ha sempre affascinato i lettori di ogni età e innumerevoli libri e film sono stati dedicati alla figura leggendaria del sovrano di Camelot.Nel mondo dei ragazzi ovviamente non è mancata la produzione a fumetti, come le storie del principe Valiant,dell’americano Harold Foster, le avventure coraggioso principe vichingo, approdato alla corte di re Artù, che in Italia conobbe notevole fama sulle pagine del Corriere dei Piccoli nel 1966.

E poi la versione animata con l’anime giapponese La spada di King Arthur, proposta dapprima negli anni ’80 e riproposta negli anni’90.

In entrambi i casi però si tratta delle avventure di Artù adulto.
Ma che cosa faceva, o avrebbe potuto fare da bambino?

Se Walt Disney ce lo ha raccontato qui, ci ha poi pensato Giuliano a spiegarcelo ancora meglio, qui e qui.

Buon divertimento a tutti!

La spada nella roccia

Annunci

3 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. utente anonimo
    Set 08, 2008 @ 19:32:00

    da Giuliano:
    Cammuffato da Gufo Anacleto, borbotto qualcosa e ringrazio, anche a nome del lupo, del ranocchio, e della scoiattolina.

    Rispondi

  2. utente anonimo
    Set 10, 2008 @ 19:14:00

    Raccontare la storia, seppur spesso leggenda, o viceversa, ai bambini è sempre un’impresa che merita lode.
    Rino.

    Rispondi

  3. annaritav
    Set 12, 2008 @ 18:46:00

    Grazie a te, Giuliano, era un doppio post troppo interessante per non rubarlo!
    Uno dei migliori di Walt Disney, heraclitus, a mio parere.
    Credo che o più o meno tutti, da piccoli, ci siamo lasciati affascinare da questi miti, amfortas, poi qualcuno non li ha più abbandonati neanche nell’età adulta!
    Hai ragione, Rino, i bambini hanno sempre fame di storie e raccontarle loro, osservandone le reazioni, è anche un grande piacere e un’utilissima esperienza.
    Buon fine settimana a tutti, Annarita

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog.wordpress.com/

Tutto inizia da adesso

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione

Io e la mia città

Appunti democratici su Roma

biblioragazzi

Biblioteche per ragazzi in Italia e nel mondo

Il bandolo della matassa

Ho bisogno di manualità e di creatività, partendo dalle piccole cose. Di riscoprire materiali che sanno riscaldare, avvolgere e colorare. Ho bisogno di leggerezza, di spazi aperti e tranquillità. Di riscoprire, nella semplicità, momenti in cui lasciare andare la mente. Ho bisogno di ritrovare il "bandolo della matassa"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: