Le location di Narnia

Prendendo spunto dalla recente uscita nelle sale del secondo capitolo (in ordine cinematografico) della saga di Narnia, Il principe Caspian, vorrei mostrarvene le location perché i paesaggi sono di una bellezza spettacolare. Ancora una volta, dopo l’epica esperienza de Il Signore degli Anelli, la Nuova Zelanda si rivela come il set naturale più adatto a questo tipo di produzioni fantastiche per il fascino della sua natura incontaminata.

È il caso della penisola di Coromandel, con i suoi oltre 400 chilometri di coste suggestive, e in particolare di Cathedral Cove, la bellissima spiaggia bianca con le rocce che compare all’inizio della seconda avventura dei fratelli Pevensie a Narnia, al loro ritorno nel mitico paese in cui l’età d’oro che avevano lasciato nella precedente avventura pare definitivamente tramontata sotto la tirannia della razza di origine umana dei Telmarini.

cathedra_cove
A nord ovest di Aukland i cupi alberi di Woodhill Forest sono diventati il temuto accampamento della Strega Bianca, colei che ha usurpato il potere di Aslan il leone e ha tenuto in scacco Narnia nella morsa di un gelido inverno senza fine nel primo episodio, Il leone, la strega e l’armadio.

woodhill_forestCave Stream Scenic Reserve vicino al fiume Brocken è un altro paesaggio abbondantemente usato per ricreare l’ambientazione di Narnia.

cavestreamlarge
Elephant Rocks, vicino Oamaru nel distretto Waitaki del South Island si è trasformato nell’accampamento del leone Aslan.
elephant_rock

Sulle rocce Purakaunui Bay l’ambientazione spettacolare nella quale è stato ricostruito con la computer graphic il favoloso castello di Cair paravel, in cui vivono durante la loro permanenza a Narnia i re e le regine.

Parakaunui bayParadise (Glenorchy) vicino Queenstown è l’ambientazione di Narnia al ritorno della primavera.

Paradise
Ma diverse parti dei film sono state girate anche in Europa.
Nella repubblica Ceca è stato utilizzato l’Ardspach National Park vicino Trutnov per altre scene che necessitavano di paesaggio innevato e di foreste.

Ardspach
Mentre il castello di Praga è stato il punto di partenza per la creazione del superbo maniero del tiranno Miraz.

Castello praga
Il Polonia, al confine con la Bielorussia,  la splendida ambientazione della foresta  di Bialowieza attraverso la quale fugge il principe Caspian.

800px-Bialowieza_Deby_rzeka_Barry_Kent
In Inghilterra  la Severn Valley Railway vicino Ludlow, nello Shropshire, è servita per ambientare il viaggio dei fratelli Pevensie in fuga da Londra bombardata verso la misteriosa dimora dello zio professore.

Severn Railway
In Slovenia sono state girate le potenti immagini della battaglia sul fiume ambientandole in un bellissimo tratto dell’Isonzo (Soca, in sloveno), detto la bellezza di smeraldo per il colore acceso delle sue acque.

SocaCosì come già Il signore degli anelli, anche Le cronache di Narnia è un avvincente trasposizone visiva del mondo incantato che la fervida immaginazione di C.S.Lewis ha creato. Qui ci sono tantissime specie diverse di mitiche creature realizzate con perizia coniugando l’abilità manuale dell’uomo con la raffinatezza delle tecniche computerizzate.

Tanti lettori che hanno sognato sulle pagine il mondo di Narnia, ora lo possono vedere con i loro occhi. Dopo la Terra di Mezzo, Narnia è entrata far parte del nostro immaginario collettivo grazie ai sofisticati mezzi che oramai il cinema ha a disposizione, ma le bellezze della natura sono sempre una parte determinate nella spettacolare riuscita di colossali produzioni come queste.

Una curiosità. Sembra che il nome Narnia, Lewis lo abbia ricavato da un’antica carta geografica italiana sulla quale era riportato il nome latino della città umbra di Narni. Narnia, appunto.

Annunci

15 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. oyrad
    Ago 27, 2008 @ 07:31:00

    Davvero interessante, e piacevole, scoprire questi bellissimi luoghi…

    I film de “Il Signore degli Anelli” non li ho visti neanche tutti, tanto si erano rivelati noiosissimi i primi due… yawn! Forse Narnia, cinematograficamente parlando, è più “brioso”… mi tenta…

    Rispondi

  2. utente anonimo
    Ago 27, 2008 @ 08:29:00

    Immagini stupende, che fanno proprio sognare. Non so come fai a trovare sempre così tante “perle preziose” nel mondo del cinema, della letteratura, della fotografia, della pittura, ecc, ecc. Complimenti!
    Annita

    Rispondi

  3. utente anonimo
    Ago 28, 2008 @ 13:26:00

    Annarita: di Narnia, diciamo la verita’, non so nulla. Raccomandi? (I libri, voglio dire, oltre alle location).
    Ciao, Maz

    Rispondi

  4. annaritav
    Ago 29, 2008 @ 19:07:00

    Oyrad, ti sei annoiato? Non ci posso credere! :-p Temo che non ti direbbe un granché neppure Narnia, allora, ma, a parte i film, sono due letture che non si possono trascurare 😉
    Annita, cerco e frugo, poi vi propongo, sempre contenta di incuriosirvi e di interessarvi 😉
    Maz Le cronache di Narnia sono un pietra miliare come Il signore degli anelli, malgrado le loro differenze. Lettura senz’altro consigliata 😉
    Hai ragione, Corrado, posti così invogliano alla totale solitudine, ma sempre con buoni libri a portata di mano 😉
    Grazie a te, Sara, sei sempre bravissima con i tuoi lavoretti grafici! 😉
    Buona serata a tutti, Annarita

    Rispondi

  5. gabrilu
    Ago 30, 2008 @ 15:11:00

    Il signore degli anelli (libro) mi ha fatto sbadigliare già dalle prime cento pagine e non ci ho alcuna voglia di ritentare la lettura.

    Chissà, forse avrei dovuto leggerlo a dodici anni, oppure non sono ancora abbastanza acculturata da leggere il tomone per uno specifico e raffinato interesse filologico-storico kai caetera kai caetera.
    Sorry, ma quest’interesse attualmente non ce l’ ho. ( Diciamo che attualmente — per quanto mi riguarda — Tolkien può serenamente stare dov’è e godersi l’ammirazione dei suoi tanti fans. Ammirazione meritata, I suppose. Non ho elementi per sostenere il contrario. Sono io, in difetto).

    I film invece mi sono piaciuti e mi hanno divertita molto. Forse perchè il grande schermo, forse perchè guardando i film non cercavo chissà quali significati e riferimenti cultral-metaforico-simbolici ma me li sono goduti alla grande così… come spettacolo duro e puro (che ogni tanto ci vuole pure, nevvero).

    Di Narnia nulla so e, per la verità, nonostante il tuo bellissimo post, non mi sento incalzata dall’urgenza di leggermi il libro o vedermi il film.
    Sbaglierò ma, come è noto, non si può leggere e vedere tutto.
    Ciao 🙂

    P.S. Ma fotine delle tue vacanze niente? Vago inutilmente su Flickr ma trovo niente di nuovo su quel fronte…

    Rispondi

  6. annaritav
    Ago 30, 2008 @ 16:13:00

    Il mondo è bello perché è vario, cara Gabrilu, e tu hai pienamente ragione di star benone anche senza la Terra di Mezzo e Narnia. Sai, la mia anima bambina ha avuto il sopravvento, mi sono goduta la parte più fantastica e spettacolare lasciando perdere i ricchi e pesanti riferimenti in entrambe le opere :-p.
    Hai ragione anche per le foto, mi sono impigrita e ho trascurato di caricarle su Flickr, ma la tua sollecitazione mi sarà di sprone:-)
    Buona domenica, Annarita

    Rispondi

  7. PrimoCasalini
    Set 01, 2008 @ 14:14:00

    Cara Annarita, oggi ho pubblicato Narnia in Abbracci e pop corn.
    Un po’ in ritardo, ma eravamo sommersi dai fumetti, e abbiamo finito ieri (48 post, con quello di Nicola di stamattina). E’ stato proprio un Quarantotto!

    grazie Annarita e saludos
    Solimano

    Rispondi

  8. annaritav
    Set 01, 2008 @ 18:51:00

    Grazie, come il solito hai saputo valorizzare il mio post equilibrando le immagini! Io le ho caricate un po’ alla carlona 😉
    Ciao, Annarita

    Rispondi

  9. Menzinger
    Nov 15, 2009 @ 22:36:00

    Vien voglia di partire subito!
    Che Narnia derivasse da Narni lo sospettavo ma non mi pareva possibile!

    http://menzinger.splinder.com/post/21349876/LE+CRONACHE+DI+NARNIA

    Rispondi

  10. annaritav
    Nov 17, 2009 @ 16:51:00

    Grazie per la visita, Menzinger, e complimenti per il ricco post che ho letto con grande piacere. Buona serata

    Rispondi

  11. utente anonimo
    Ott 14, 2010 @ 15:22:00

    MedmenshealhtMi affascina l'immensità delle rocce del nostro pianeta, io pensano creazioni di un superiore o di opere d'arte perché esistono in tutte le dimensioni e forme e design che li rendono unici e meravigliosi.

    Rispondi

  12. giovanni
    Dic 28, 2013 @ 09:43:05

    immagini fantastiche e qualcuna tratta anche vicino a noi, sul fiume Isonzo!

    Rispondi

  13. Zdenek
    Gen 20, 2017 @ 22:01:51

    Il parco nazionale della Svizzera Boema ( ardspach) è stupendo, visitato da poco mentre mi trovavo a Praga … scherzi apparte ero a Narnia !! La location è quella ..

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog.wordpress.com/

Tutto inizia da adesso

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione

Io e la mia città

Appunti democratici su Roma

biblioragazzi

Biblioteche per ragazzi in Italia e nel mondo

Il bandolo della matassa

Ho bisogno di manualità e di creatività, partendo dalle piccole cose. Di riscoprire materiali che sanno riscaldare, avvolgere e colorare. Ho bisogno di leggerezza, di spazi aperti e tranquillità. Di riscoprire, nella semplicità, momenti in cui lasciare andare la mente. Ho bisogno di ritrovare il "bandolo della matassa"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: