Senza un filo conduttore

Il post precedente segna una virtuale linea di demarcazione del mio silenzio in questo virtuale mondo che è il blog.
Prima ci sono stati giorni di scrittura a ritmo serrato, di lavoro intenso, di letture e di pigre e voluttose immersioni in Anobii.
Poi sono venuti i giorni delle riflessioni, delle tante domande con nessuna risposta, sempre nel mezzo di un lavoro intenso legato alla chiusura dell’anno scolastico.
Ho letto molto e commentato poco o niente, per continuare a respirare una blogsfera oramai con un vuoto.
La voglia di scrivere si è assopita, ma non è svanita.
Non ho la presunzione di pensare che il mio silenzio abbia preoccupato qualcuno, ma mi sembrava corretto darne conto.
Oggi è il primo giorno d’estate, sento dal balcone un uccello che fa uno strano verso e mi piace pensare che sia il misterioso uccello-giraviti.
Anche io, come Okada Toru, penso che le viti del mondo si siano allentate, ma sono certa che l’invisibile e instancabile uccello stia lavorando per me, per noi.
A presto.
Annarita mondo_mani

Annunci

4 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. utente anonimo
    Giu 22, 2008 @ 06:16:00

    Ciao Annarita

    che dolce rovello questa piccola ossessione chiamata blog… Giusto prendersi pause, non è un lavoro, è un piacere: io lo vivo a onde e passo dall’accanimento alla dimenticanza (sempre breve quest’ultima).
    La cosa che più mi piace e cui tengo moltissimo è l’estrema libertà e ricchezza del tutto: è sempre una sorpresa scoprire quanto questa tecnologia possa indurre alla creatività e allo scambio e ci avvicini…

    Buona estate Annarita 🙂

    Paolo

    Rispondi

  2. utente anonimo
    Giu 22, 2008 @ 09:07:00

    Ogni epoca ha la sua caratteristica, il suo modo di rivelarsi, di essere: basta solo essere sé stessi e accettare.

    Rino, in attesa di nuove.

    Rispondi

  3. utente anonimo
    Giu 23, 2008 @ 19:20:00

    da Giuliano:
    Le pause sono necessarie.
    Basta che poi torni presto…

    Rispondi

  4. annaritav
    Giu 28, 2008 @ 12:21:00

    Grazie, siete molto gentili. Adesso una pausa di riflessione e di riposo, poi si riparte.
    Buone vacanze.
    Annarita

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog.wordpress.com/

Tutto inizia da adesso

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione

Io e la mia città

Appunti democratici su Roma

biblioragazzi

Biblioteche per ragazzi in Italia e nel mondo

Il bandolo della matassa

Ho bisogno di manualità e di creatività, partendo dalle piccole cose. Di riscoprire materiali che sanno riscaldare, avvolgere e colorare. Ho bisogno di leggerezza, di spazi aperti e tranquillità. Di riscoprire, nella semplicità, momenti in cui lasciare andare la mente. Ho bisogno di ritrovare il "bandolo della matassa"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: