Spiderwick – Le cronache

Se sua madre (Mary Louise Parker, assai credibile) è nevrotica e stressata perché sta divorziando e il nuovo lavoro l’assorbe completamente, se sua sorella Mallory  (l’energica Sarah Bolger) è una quindicenne tanto abile con le parole quanto con il fioretto, se il suo gemello Simon è un tipo che non vuole complicazioni e pensa solo ai propri animali, che altro  può capitare al tredicenne Jared Grace ?(Freddie Highmore, che interpreta con bravura anche il gemello Simon)

I fratelli GraceI fratelli Grace

Di essere obbligato a lasciare la vita di New York per finire in una tetra casa nel New England, ereditata dalla prozia Lucinda, finita in manicomio.

spiderwick_05

Una casa non proprio attraente

Cupa e piuttosto fatiscente, la casa sperduta nella natura non sembra proprio il punto di partenza ideale per ricostruire insieme un’esistenza più tranquilla, soprattutto a causa della costante tensione che c’è tra Jared e la madre, alla quale egli attribuisce la colpa della separazione dall’amato padre, inseguito per telefono con la speranza di un incontro che si rivelerà sempre più improbabile.

famiglia

Interno di famiglia con problemi

E proprio a causa del suo atteggiamento di totale ribellione Jared viene accusato delle stranezze che accadono in casa, interpretate come sue vendette.

Jared non conosce altra difesa che la solitudine e la soffitta di casa Spiderwick è un posto troppo invitante.

il libro

Guida Pratica di Arthur Spiderwick al Mondo Fantastico che Vi Circonda

Da qui partono le avventure che coinvolgono a uno a uno tutti membri della famiglia. A incominciare da Jared  che rinviene, accuratamente nascosto in una cassa, uno strano libro dal titolo “Guida Pratica di Arthur Spiderwick al Mondo Fantastico che Vi Circonda”. Quelle pagine fitte di scrittura e di disegni sono il risultato di anni e anni di lavoro del prozio Arthur Spiederwick (David Strathaim che mi è sembrato un po’ spaesato), padre di Lucinda (la sempre brava Joan Plowright), alla cui realizzazione egli ha sacrificato tutto, dalla propria vita all’amore per la figlia. È un ricchissimo manuale che insegna a mettersi in contatto con le fantastiche creature che vivono nei dintorni: folletti, fate, troll, silfidi, grifoni alati, goblin.spiderwick7

Un tale, ricco manuale è troppo prezioso, Arthur lo sapeva bene, ed è stato necessario proteggerlo dalle mire del perfido e mostruoso orco Mulgarath (un perfido e subdolo Nick Nolte) , il cui scopo sarebbe, una volta divenuto padrone del libro, dominare tutte le creature fantastiche e gli uomini.

Mulgarath

Mulgarath

Con l’aiuto del buffo Thimbletack, un brownie ghiotto di miele (che, quando si arrabbia, diventa un bogarth verde come l’incredibile Hulk), Il browniedell’esilarante Maistrillo e del grifone

alato (che ricorda un po’ il Drago della Fortuna Fuchur dell’indimenticabile “La storia infinita”), Jared ingaggia una lotta sempre più serrata contro il male rappresentato da Mulgarath  e avrà bisogno di tutta la sua famiglia per portare a termine la missione, che culminerà in una lotta all’ultimo vasetto di salsa di pomodoro nella cucina della casa.

Thimbletack

Il film è tratto dai  libri che compongono la serie delle Cronache di Spiderwick, opera di due autori, la scrittrice Holly Black e l’illustratore Tony Di Terlizzi. I cinque titoli sono:

·  l libro dei segreti1

·  La pietra magica2

·  Il segreto di Lucinda3

·  L’albero d’argento4

·  L’ira di Mulgarath5

La regia è di Mark Waters e l’inizio del film può far pensare alle atmosfere un po’ cupe di Tim Burton, la casa ne è senza dubbio un ottimo esempio. La sceneggiatura è un concentrato dei testi che compongono la saga, la scenografia è accattivante e il resto dell’opera lo fanno gli effetti digitali targati Industrial Light & Magic di George Lucas, che io non ho trovato poi così debordanti, come qualcuno ha ritenuto, ma adatti a sostenere la fantasia dello spettatore nell’universo fantastico che si cela dietro il manuale di Arthur Spiderwick.

Locandinawww.comingsoon.it/video.asp

È una storia assai movimentata, che fa pensare più a “Un ponte per Terabithia” che a “Le cronache di Narnia: Il leone, la strega e l’armadio”, per la sua ambientazione nella realtà, a tratti pecca di eccessiva confusione nel senso di esagitazione e di fracassone ria, ma che pure sa trattare la crisi familiare dei giovani Grace senza scivolare nel patetico e rende credibilmente la ritrovata unità familiare di fronte al pericolo, fino al chiarimento finale di madre e figlio tra mezze verità e mezze bugie nascoste e dette a fin di bene.

LucindaLucinda

Molti e godibili i momenti quasi horror, ma di quello che spaventa senza sconvolgere.

Il prozio Arthur

Arthur Spiderwick

Nel febbraio di quest’anno è uscito l’immancabile videogioco ispirato al film

grace-family-spiderwick-videogame


Annunci

9 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. PrimoCasalini
    Mag 05, 2008 @ 18:42:00

    Ma perché certa gente va ad abitare in case cupe e fatiscenti (carissime, fra l’altro), che dopo ci sono sorprese non sempre buone, con cattivacci che sbucano da tutte le parti e non c’è più -da secoli ormai- la pompetta del DDT? Mbah!
    Mia zia, tutte le sere, prima di andare a letto guardava sotto la rete per vedere se ci fosse un cattivaccio nascosto, ma non l’ha mai trovato, perché abitava in una casa luminosa e solida. Invece certuni se le vanno proprio a cercare, per me sono gli editori, gli scrittori e i registi che li pagano…

    Grazie Annarita e saludos, ci rivediamo fra qualche giorno…
    Solimano

    Rispondi

  2. PrimoCasalini
    Mag 07, 2008 @ 13:34:00

    Cara Annarita, ho pubblicato il tuo Spiderwick in Abbracci e pop corn, facendo un po’ di effetti speciali con alcune immagini grandi che ho trovato, ma rispettando il tuo testo, ça va sans dire.
    Se occorre qualche correzione fammelo pure sapere nei commenti.

    grazie, saluti e alla prossima!
    Solimano

    Rispondi

  3. annaritav
    Mag 07, 2008 @ 18:08:00

    Grazie a te, Giulia, che sei sempre contenta di ciò che propongo!
    Solimano, il mio post nel tuo blog fa tutto un altro effetto, grazie!
    Barbara,è un titolo che ho nella mia interminabile lista dei desideri. Sono curiosa di leggerlo perché Daniel Wallace ha scritto anche un libro per ragazzi “Elynora” (che fa parte della lista suddetta con “Big fish” e “Il re dei cocomeri”).
    Il mio sogno proibito è possedere una grande libreria e passare tutto il tempo a leggere tra gli scaffali. Che qualcuno la gestisse per me e vendesse un bel po’ di libri sarebbe gradito ;-))
    Buona serata, Annarita

    Rispondi

  4. amfortas
    Mag 08, 2008 @ 08:42:00

    Mi soffermo anch’io sull’aspirazione a diventare libraio.
    Un giorno avevo l’opportunità di comprare un bel vano, era un’asta fallimentare. Ero gasato di brutto, ma sbagliai giorno per presentarmi all’incanto.
    Sono un deficiente.
    Ora c’è un negozio di telefonini, ovvio.
    Ciao.

    Rispondi

  5. PaulTemplar
    Mag 09, 2008 @ 10:07:00

    E’ un film che ho dal primo giorno che è uscito,ma non l’ho ancora visto.
    Ma se lo consigli tu….
    Ciao
    Paul

    Rispondi

  6. ceglieterrestre
    Mag 11, 2008 @ 08:50:00

    Un caro saluto franca

    Rispondi

  7. cuoredigiada
    Mag 20, 2008 @ 18:43:00

    Sembrano belli!
    :)))

    Rispondi

  8. annaritav
    Mag 22, 2008 @ 07:42:00

    Un rapido saluto a tutti, corro al lavoro. A presto.
    Annarita

    Rispondi

  9. annaritav
    Feb 18, 2009 @ 18:48:00

    È sempre il solito problem. Leggi un libro che ti piace, lo immagini e quando lo vedi sul grande schermo, a volte resti resti deluso. Qui gli effetti sono buoni, ma la sostanza del libro è un’altra. Non si tratta di capolavori, ma senz’altro di buoni testi.
    Salutissimi, Annarita

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog.wordpress.com/

Tutto inizia da adesso

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione

Io e la mia città

Appunti democratici su Roma

biblioragazzi

Biblioteche per ragazzi in Italia e nel mondo

Il bandolo della matassa

Ho bisogno di manualità e di creatività, partendo dalle piccole cose. Di riscoprire materiali che sanno riscaldare, avvolgere e colorare. Ho bisogno di leggerezza, di spazi aperti e tranquillità. Di riscoprire, nella semplicità, momenti in cui lasciare andare la mente. Ho bisogno di ritrovare il "bandolo della matassa"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: