La storia di Jemima Anatra de’Stagni

Compie cento anni la storia di Jemima, anatra stizzosa ma che suscita tenerezza per la sua ingenuità.
L’autrice Beatrix Potter come il solito si è ispirata a personaggi veri, ambientando le loro azioni nel familiare e tanto amato paesaggio della fattoria di Hill Top, la sua residenza nel villaggio di Sawrey, Lake District.
Compaiono dunque in questa “favola da cortile”, dedicata ai piccoli Ralph e Betsy, la signora Cannon (moglie del fattore e madre dei due bambini) il cane da pastore Kep (il preferito di Beatrix) e la stessa Jemima è una vera anatra della fattoria.
RalphIl piccolo Ralph 

I disegni ritraggono anche incantevoli vedute di Sawrey come il bosco, in cui si addentra Jemima, il panorama della fattoria dalle colline e persino il pub del villaggio, il tuttora esistente Tower Bank Arms.
Come dicevo, Jemima è un’anatra, ma si comporta da vera oca.
Offesa perché la signora Cannon fa covare le sue uova alle galline del pollaio, Jemima decide di allontanarsi dalla fattoria per trovare un luogo appartato nel quale deporle e covarle da sé, malgrado i saggi ammonimenti di sua cognata Rebeccah, la quale ben conosce la scarsa propensione delle anatre al disagio della lunga cova.

 

Sigra CannonMrs. Cannon 

Faticosamente Jemima si alza in volo, la cuffia a sghimbescio e lo scialle svolazzante, atterrando in una radura nella quale il posto più attraente, un bel ceppo circondato dai fiori della digitale, è occupato da un elegante tipo che legge il giornale. Un tipo dalla folta coda e dalle basette color biondo cenere che si interessa subito ai problemi di Jemima e le offre ospitalità in una vecchia e tetra casupola di torba e fascine, con due secchi bucati e infilati l’uno sull’altro a fungere da camino. Malgrado la casupola sia piena di soffici piume, la sciocca Jemima non sospetta nulla e prepara il nido, premurosamente sostenuta dal misterioso tipo elegante.

 

VolpeJemima e il misterioso elegantone del bosco 

Passano i giorni, le uova sono deposte e arriva il momento della cova, ma il distinto tipo propone una cenetta per festeggiare l’avvenimento e chiede a Jemima di procurargli salvia, cipolle e erbe aromatiche per la frittata. La tonta Jemima va alla fattoria a prendere il necessario e incontra il cane Kep, che vuol sapere dove vada tutta sola con quelle verdure; Jemima non vede motivi per i quali non raccontargli tutta la storia e il saggio Kep ascolta con attenzione, informandosi ben bene sull’esatta ubicazione del capanno nel bosco.

 

KepJemima e il saggio Kep 

Quando Jemima se n’è andata, Kep va a cercare due giovani e fidati amici, addestrati alla caccia alla volpe.

Cuccioli per caccia alla volpe davanti al pubKep trova i cuccioli davanti al pub Tower Bank Arms 

La nostra eroina giunge alla radura e trova il suo anfitrione stranamente nervoso e sgarbato, che le ordina di dare un’occhiata alle uova e di tornare subito in casa da lui.
Inquieta e disorientata, Jemima obbedisce, ma qualcuno la chiude a chiave nella casupola e ben presto dall’esterno giungono latrati e ululati, guaiti e brontolii.
Quando Kep riapre la porta e libera Jemima, non c’è più traccia del tipo elegante e i cuccioli screanzati entrano nella casupola a mangiarsi le uova.
In lacrime per la perdita Jemima viene scortata di nuovo alla fattoria, ma finalmente ottiene il permesso di covare la nidiata di giugno; nidiata che si riduce alla schiusa di sole quattro uova.

RitornoJemima torna con le pive nel sacco 

Jemima non se la prende, dà la colpa ai nervi,” …but she had always been a bad sitter.”

 

Jemima e gli anatroccoliLa sventata Jemima e i suoi anatroccoli 

E con questo impietoso giudizio sulla stolida eppure amata Jemima si chiude il delizioso viaggio nella fantasia di un’altra piccola storia della grande Beatrix Potter.
Annunci

7 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. utente anonimo
    Feb 09, 2008 @ 17:10:00

    Amara eppur amabile questa novella e che bella, ancor oggi, la casa fattoria di Beatrix…

    Un saluto grande

    Paolo

    Rispondi

  2. babilonia61
    Feb 09, 2008 @ 17:16:00

    Resto sempre affascinato dalle storie, ma ancor di più dalle immagini che esse contengono: sono per me fonte di ispirazione, di illusione, di fantasticherie.
    Come sempre, mi hai fatto sognare ad occhi aperti.

    Buona domenica.

    Felicità

    Rino, nel passato ricordato.

    Rispondi

  3. cuoredigiada
    Feb 09, 2008 @ 21:44:00

    Non la conoscevo questa storia e le illustrazioni sono dei capolavori, pacate e molto diverse da quelle che si vedono in giro…
    Un abbraccio :)))

    Rispondi

  4. annaritav
    Feb 11, 2008 @ 18:47:00

    Il mondo di Beatrix Potter continua ad essere affascinante per grandi e piccini. le storie sono dolci e mare, come dice Paolo, e le illustrazioni sono sempre veri gioielli, fatti apposta per farci sognare come sottolineano Rino, Cuoredigiada e Annita.
    Tornerò nel mondo di Beatrix, statene certi, ci sono tante, belle storie. Buona serata a tutti 🙂
    Annarita

    Rispondi

  5. babilonia61
    Feb 24, 2008 @ 08:39:00

    INTERVISTANDO GIUSEPPE DA SETTIGNANO (1265- ?)[..] Mi piace conversare con persone comuni, persone semplici, lavoratori, persone che lottano per sopravvivere onestamente, cerco di capire come vivono, quali problemi hanno, cosa pensano, cosa li preoccupi. Giuseppe da Settignano è un contadin [..]

    Rispondi

  6. annaritav
    Ott 13, 2010 @ 17:37:00

    Grazie per il commento, le storie di Beatrix Potter sono davvero incantevoli ed emozionanti!Salutissimi, Annarita

    Rispondi

  7. Trackback: Barbablù - The Bach Flowers

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog.wordpress.com/

Tutto inizia da adesso

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione

Io e la mia città

Appunti democratici su Roma

biblioragazzi

Biblioteche per ragazzi in Italia e nel mondo

Il bandolo della matassa

Ho bisogno di manualità e di creatività, partendo dalle piccole cose. Di riscoprire materiali che sanno riscaldare, avvolgere e colorare. Ho bisogno di leggerezza, di spazi aperti e tranquillità. Di riscoprire, nella semplicità, momenti in cui lasciare andare la mente. Ho bisogno di ritrovare il "bandolo della matassa"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: