Storie della storia del mondo

Quando nella libreria Croce l’ho adocchiato, un po’ nascosto tra altri testi del reparto dedicato ai ragazzi, sono tornata sui miei passi credendo di aver visto male. Invece no, era proprio quello il titolo che aveva colpito la mia attenzione e prendendo il libro tra le mani sono tornata indietro nel tempo di almeno quarant’anni.Era il medesimo libro che scovai per caso un giorno lontano e mi sono rivista bambina, accoccolata sul divanetto di pelle a casa dei nonni, nel salottino che d’estate era la mia camera durante il  periodo di vacanze che trascorrevo presso di loro a Montefiascone, in provincia di Viterbo.
Le prime ore calde del pomeriggio, quelle in cui nemmeno i maschi avevano voglia di scendere a giocare nel cortile assolato, le trascorrevo sprofondata nelle letture di vario genere che la biblioteca dei nonni mi garantiva.

C’era un po’ di tutto, dai classici ai romanzi di Carolina Invernizio alle storie strappalacrime di autori dei quali non rammento più neppure il nome.
E poi c’era “Storie della storia del mondo”.

Il volume molto sciupato, addirittura un po’ squinternato, la carta ingiallita e chiazzata di umidità, con la rilegatura di cartone rigido impresso a gigli fiorentini, è qui sulla scrivania, davanti a me. Le pagine con i riferimenti sull’autore e sulla pubblicazione mancano e mi rendo conto di non aver mai saputo nulla di preciso sul libro che pure mi piaceva tantissimo. Solo adesso, con i potenti mezzi del web, scopro che la pubblicazione probabilmente risale al 1911, per i tipi della gloriosa casa editrice fiorentina Bemporad.

Ma che cosa sono queste storie della storia del mondo?
Sono le avventure e le imprese dei più grandi eroi greci che la mamma racconta ai figli, Leo e Lia, i quali le trovano appassionanti e coinvolgenti, ambientate un mondo lontano e fantastico, a loro totalmente ignoto, nel quale vendetta, onore, forza, coraggio, ferocia, bellezza sono prerogativa di uomini e donne i quali tuttavia non sono immuni da timori e debolezze, così come quegli stessi dei che via via li proteggono o li ostacolano con ogni mezzo.
Fu così che feci la conoscenza di Laomedonte e di Priamo, di Agamennone e di Menelao, di Paride e di Achille, di Elena e di Ulisse, di Ettore e di Patroclo, insomma dei personaggi le cui grandiose vicende avrei poi ritrovato alle scuole superiori nell’Iliade.

Le storie sono raccolte in brevi capitoli, ognuno dei quali aperto da un bel capoverso ornato, così come deliziosi sono i disegni Art Nouveau in bianco, nero e ocra di Ezio Anichini che li illustrano.

La copia che ho in mano adesso è una molto più recente edizione del 2005, Giunti Junior, illustrata da Giovanni Caselli, grazie alla quale ho scoperto anche il nome dell’autrice: Laura Orvieto.

cantoniLaura Cantoni Orvieto nacque a Milano nel 1876 e coltivò sempre la passione della narrazione e della lettura di storie ai piccoli, tanto suoi ascoltatori preferiti quanto protagonisti privilegiati delle sue storie. Subì persecuzioni negli anni della Seconda Guerra Mondiale perché di famiglia ebrea e si spense a Firenze nel 1953, città in cui aveva sposato Angiolo Orvieto, fondatore della rivista “Il Marzocco” e uno fra i promotori della società culturale Leonardo da Vinci voluta nel 1902 nel capoluogo toscano da un gruppo di uomini di spicco nel panorama culturale a cavallo tra il XIX e il XX secolo e la cui genesi narra la stessa Laura nel libro Storia di Angiolo e Laura. Per ricordarla è stato istituito un  premio di narrativa per ragazzi a Firenze, dalla fondazione “Premio Laura Orvieto”, ma non ho notizie certe che sia tuttora attivo.

La forza di Roma
Ezio Anichini ha illustrato anche altre opere di Laura Orvieto, come questa, e vi propongo l’immagine per darvi un’idea dello stile dei disegni.

Aggiornamento:

Grazie ad Anna Maria de Majo e alla sua preziosa attività nel campo della letteratura per ragazzi, ho potuto godermi questo video dedicato a Laura Orvieto e alle sue “storie”. Lo condivido volentieri. Buona visione!

Letterelettriche Edizioni

Casa Editrice digitale - E-books store

The Victorianist: BAVS Postgraduates

British Association for Victorian Studies Postgraduate Pages, hosted by Danielle Dove (University of Surrey) and Heather Hind (University of Exeter)

Mammaoca

Fiabe integrali e poco altro. Si fa tutto per i bambini

La Fattoria dei Libri

di Flavio Troisi, scrittore e ghostwriter

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

Butac - Bufale Un Tanto Al Chilo

Bufale Un Tanto Al Chilo

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog

Tutto inizia sempre da adesso in poi

Iridediluce

“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione