Nancy Drew

L’ultima volta in cui sono stata in una libreria e, come il solito, ho dato un’occhiata al reparto ragazzi, ho fatto una scoperta che mi ha riportata indietro nel tempo, fino agli anni Settanta, a tanti pomeriggi passati in camera a divorare le avventure di una ragazzina bionda e vivacissima, detective in erba, di nome Nancy Drew.
E’ la casa editrice Piemme, nella collana Junior, che ripropone ai giovani lettori questo personaggio, molto familiare ai loro genitori.
Facciamo alcuni passi indietro e vediamo chi è questa ragazza.
Nancy Drew nasce negli anni Trenta dal lavoro congiunto di due autrici, Mildred Wirt Benson e Harriet Stratemeyer Adams, che si celano sotto lo pseudonimo di Carolyn Keene.
Nancy è una teen-ager, orfana di madre, che vive con il padre avvocato, Carson Drew, in un’immaginaria cittadina dell’Illinois chiamata River Heights. Ha una governante, Hannah Gruen, alla quale è molto legata; un fidanzatino, lo studente Ned Nickerson, e due care amiche, George e Bess, cioè la maschiaccia Georgia Fayne e la bella e sofisticata Elizabeth Marvin.
Le doti di Nancy sono l’intraprendenza, lo spirito avventuroso, l’intuito e la logica, qualità che la portano brillantemente a sciogliere enigmi, risolvere misteri, individuare colpevoli in una serie di avventure in vari luoghi. Non si tratta mai di storie paraticolarmente sanguinose, nel senso che raramente Nancy ha che fare con omicidi; si tratta piuttosto di avventure nelle quali spesso domina, in apparenza, un’aria di mistero e di soprannaturale, che Nancy Drew dissolve con sano pragmatismo, oppure di vicende complesse di furti o di imbrogli che lei sola riesce a sciogliere.
E sì, perché le caratteristiche di Nancy Drew sono il trovarsi nel posto giusto al momento giusto e il saper cogliere indizi e segni  sfuggiti ad altri.
Nancy è una bella ragazza dagli occhi azzurri, e il suo look è cambiato via via con il passare degli anni, il colore dei capelli varia dal biondo al rosso tiziano. Negli anni Cinquanta si sono aggiunti i personaggi della zia newyorkese Eloise Drew e dell’amica d’infanzia Helen Corning.
Spesso fanno la loro bella figura nelle vicende di Nancy i fratelli Frank e Joe Hardy, meglio conosciuti come gli Hardy Boys.
Gli Hardy Boys nascono come serie a sé stante nell’officina di Edward Stratemayer, il padre di Harriet, la coautrice di Nancy Drew, considerato l’inventore del giallo per ragazzi.
180px-Hardy_boys_cover_01Stratemeyer gestiva un'”officina” di autori i quali, nascosti dietro vari pseudonimi, producevano rapidamente le storie di avventure che il pubblico dell’epoca gradiva molto.
Come quelle di Nancy e degli Hardy Boys, rivolte al pubblico giovanile.
Autore “fittizio” della maggior parte delle storie di questi ultimi è stato Franklin W. Dixon, sotto il cui pdesudonimo si celava Leslie McFarlane.
Dagli anni Trenta in poi molti altri ghost writes si sono avvicendati dietro i celebri pseudonimi e hanno continuato a scrivere le avventure di Nancy e dei fratelli Hardy.
In Italia le avventure di Nancy Drew arrivarono negli anni Settanta grazie alla casa editrice Mondadori, che le lanciò nella collana “Il giallo per ragazzi”e diede il via ad una vera e propria serie a lei intitolata. Le copertine erano gialle, ovviamente, con disegni psichedelici, e ognuna aveva un bollino da ritagliare e applicare su una tessera, per entrare a far parte del clan di Nancy Drew che prometteva sorprese, regali e varie iniziative. Fu un grande successo.
italmondaA metà degli anni Novanta fu la casa editrice Salani a salutare il ritorno  della “regina del giallo per ragazzi”, con nuove avventure, ma con poco successo, infatti non tutte quelle previste furono poi pubblicate.
italian_SalaniNei suoi oltre settant’anni di vita Nancy Drew è rimasta sempre la fresca teen ager piena di risorse, ma si è proposta al pubblico anche in altre vesti.
Negli anni 1938 e 1939 furono prodotti dalla Warner Bros quattro film basati  sulle avventure della giovane detective, interpretata  dall’attrice Bonita Granville,  uno solo dei quali ispirato ad una storia della collana, anche se ampiamente rimaneggiata: Nancy Drew and the hidden staircase (Nancy Drew e il passaggio segreto).
Bisognerà aspettare gli anni Settanta per vedere una versione televisiva in quattordici episodi intitolata “The hardy Boys/Nancy Drew MYsteries” e interpretata da Pamela Sue Martin, che diventerà più nota al grande pubblico come l’interprete di Fallon Carrington Colby nella fortunata serie televisiva “Dynasty”.
ND e gli HB nella serie televisivaAltre serie televisive risalgono al 1995 (interprete Tracy Ryan) e al 2002 (interprete Maggie Lawson.
E’ di quest’anno invece il film “Nancy Drew“,  regia di Andrew Fleming, nel quale a vestire i panni della giovane detective è Emma Roberts, figlia dell’attore Eric Roberts e nipote dell’attrice Julia Roberts.
nancydrew
Pare che anche gli Hardy Boys avranno una loro versione cinematografica, stavolta in veste di adulti e interpretati da Tom Cruise e Ben Stiller, con la regia di Shawn Levy, il quale ha diretto lo stesso Stiller in “Una notte al museo”.
cruise_ttt02Nancy Drew ha conquistato anche il mondo dei videogiochi  , infatti dal 1998 al 2007 sedici sue avventure sono state riprodotte dalla Her Interctive per il PC. Il giocatore deve guidare Nancy nei suoi colloqui con i sospettati, nel raccogliere indizi, nel risolvere enigmi e infine nello svelare il misfatto.
Alcune curiosità: qui sono raccolte molte informazioni sulle varie edizioni delle avventure di Nancy Drew pubblicate nel mondo; qui una raccolta di varie copertine originali; qui un sito non ufficiale tutto dedicato a Nancy. Senza trascurare Wikipedia , fonte di una debordante quantità di informazioni in inglese sulla frizzante detective girl e sui dinamici fratelli Hardy.
Mi domando se i giovani lettori di oggi, più smaliziati di noi, troveranno ancora interessanti le avventure di Nancy, che probabilmente si saranno adeguate ai loro gusti e alla loro aspettative. So che noi, ragazzini degli anni Settanta, abbiamo passato tanti pomeriggi a fantasticare sulle avventure di Nancy Drew e degli Hardy Boys e anche un po’ a invidiarli.

Letterelettriche Edizioni

Casa Editrice digitale - E-books store

The Victorianist: BAVS Postgraduates

British Association for Victorian Studies Postgraduate Pages, hosted by Danielle Dove (University of Surrey) and Heather Hind (University of Exeter)

Mammaoca

Fiabe integrali e poco altro. Si fa tutto per i bambini

La Fattoria dei Libri

di Flavio Troisi, scrittore e ghostwriter

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

Butac - Bufale Un Tanto Al Chilo

Bufale Un Tanto Al Chilo

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog

Tutto inizia sempre da adesso in poi

Iridediluce

“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione