Chi non conosce il passato è condannato a ripeterlo

Il 27 gennaio 2007 si celebra la Giornata della Memoria, istituita con la Legge n.211 del 20 luglio 2000.

In tutte le scuole italiane ci sarà un minuto di silenzio e di raccoglimento alle 11,54. e si leggerà la poesia di Primo Levi “Se questo è un uomo”.

Perché quest’ora e questo giorno?

Perché alle 11,54 del 27 gennaio 1945 le truppe sovietiche in marcia verso Berlino entrarono ad Auschwitz.

Scuola e Shoah è una iniziativa del Ministero della Pubblica Istruzione nata dopo l’istituzione di questa ricorrenza. E’ uno spazio di riflessione di attività da parte degli insegnanti e gli studenti che insieme vogliono meditare sull’atrocità della Shoah e agire.

Shoah in lingua ebraica significa “distruzione”, “desolazione”, “calamità” con l’intento di esprimere tutto l’orrore per una catastrofe inattesa. Gli Ebrei preferiscono usare questo termine piuttosto che “olocausto”, il quale si riferiva ai sacrifici di animali che la Torah prescriveva; gli animali venivano uccisi secondo un rituale e poi bruciati sull’altare del tempio  Quindi l’uso di un termine dal preciso significato teologico per gli Ebrei suonava offensivo.

Nel sito del Ministero della Pubblica Istruzione si parla anche della Shoahdei Bambini. “Quattromila disegni e sessantasei poesie sono tutto quello che ci resta dei bambini di Terezín, erano 15.000 e ne sono sopravvissuti meno di 100. Terezín fu un campo di concentramento nazista della Repubblica Ceca che prevedeva uno spazio per i bambini, perché di transito. Vi furono deportati complessivamente 150 mila persone, tra le quali i 15.000 bambini. La poesia che riportiamo porta la data del 1941, non si conosce il nome di chi l’ha scritta, ma il messaggio che ci ha lasciato è di fiducia nella vita e ne canta la bellezza. L’autore s’identifica con il volo libero dell’uccello come l’autrice del disegno nella farfalla.”

Vedrai che è bello vivere

Chi s’aggrappa al nido

non sa che cos’è il mondo,

non sa quello che tutti gli uccelli sanno

e non sa perché voglia cantare

il creato e la sua bellezza.

 

Quando all’alba il raggio del sole

illumina la terra

e l’erba scintilla di perle dorate,

quando l’aurora scompare

e i merli fischiano tra le siepi,

allora capisco come è bello vivere.

 

Prova, amico, ad aprire il tuo cuore alla bellezza

quando cammini tra la natura

per intrecciare ghirlande coi tuoi ricordi:

anche se le lacrime ti cadono lungo la strada,

vedrai che è bello vivere.

 testatina_shoah

shoah5Se questo è un uomo

Voi che vivete sicuri  

nelle vostre tiepide case, 

voi che trovate tornando a sera 

Il cibo caldo e visi amici:

Considerate se questo è un uomo 

Che lavora nel fango 

Che non conosce pace 

Che lotta per un pezzo di pane 

Che muore per un sì o per un no.  

Considerate se questa è una donna,shoah5 

Senza capelli e senza nome 

Senza più forza di ricordare 

Vuoti gli occhi e freddo il grembo 

Come una rana d’inverno

Meditate che questo è stato:

Vi comando queste parole.

Scolpitele nel vostro cuore 

Stando in casa andando per via, 

Coricandovi alzandovi;

Ripetetele ai vostri figli.

O vi si sfaccia la casa, 

La malattia vi impedisca, 

I vostri nati torcano il viso da voi.

Primo Levi

 



LEGGE 20 luglio 2000, n. 211

 Istituzione del <<Giorno della Memoria>> in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti.

In data 20 luglio 2000 è stata promulgata dal Presidente della Repubblica, dopo l’approvazione della Camera dei Deputati e del Senato, la seguente legge:

Art. 1.

La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, <<Giorno della Memoria>>, al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato e protetto i perseguitati.

Art. 2.

In occasione del <<Giorno della Memoria>> di cui all’articolo 1, sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell’Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinché simili eventi non possano mai accadere.

(dal sito proteofaresapere)

Mi fa piacere segnalare un’iniziativa della mia scuola.

Stamattina due studenti, che hanno visitato Auschwitz-Birkenau nell’ambito di un viaggio premio a Cracovia per i loro elaborati sulla pace, esporranno le crude fotografie scattate e loro riflessioni, accompagnando idealmente tutti icompagni e i professori sulle tracce dell’orrore dell’olocausto.

Letterelettriche Edizioni

Casa Editrice digitale - E-books store

The Victorianist: BAVS Postgraduates

British Association for Victorian Studies Postgraduate Pages, hosted by Danielle Dove (University of Surrey) and Heather Hind (University of Exeter)

Mammaoca

Fiabe integrali e poco altro. Si fa tutto per i bambini

La Fattoria dei Libri

di Flavio Troisi, scrittore e ghostwriter

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

Butac - Bufale Un Tanto Al Chilo

Bufale Un Tanto Al Chilo

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog

Tutto inizia sempre da adesso in poi

Iridediluce

“I libri si rispettano usandoli.” U. Eco

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione