Correggere

Raramente una frase, un concetto, un periodo restano come sono stati scritti la prima volta.

La revisione è un altro passaggio importante nello sviluppo della storia.

Mentre scrivete la prima stesura, è bene soprattutto mantenere il ritmo. Non importa se quella parola o quella frase non esprimono nel modo più adatto ciò che pensate, ci sarà tempo per aggiustarle durante la revisione.

Impuntarsi a cercare la forma o l’espressione migliore significa quasi sempre perdere tempo prezioso e perdere soprattutto il filo del discorso.

Quando la storia sarà conclusa, avrete tutto il tempo e la tranquillità necessari per rileggere e sentire le “stonature” all’interno del testo.

Note_musicaliAnche qui ho usato un termine che in apparenza non c’entra niente con la narrativa, le stonature si sentono in un brano musicale, in un canto.

Ma se ci pensate bene, anche un brano scritto ha una sua “musica”, una melodia nascosta dentro le parole che lo fa suonare piacevolmente al nostro orecchio di lettori.

Il computer è un grande aiuto per questa revisione finale. Vi permette di impaginare il testo in modoCorrezione. armonioso, di correggere gli errori, di inserire eventuali immagini,  i numeri di pagine come più vi piace e l’indice con i titoli dei capitoli, se lo riterrete opportuno.

lettoreFate rileggere a qualcun altro una copia del vostro testo; sarà più facile che un lettore diverso dall’autore si accorga di incongruenze nel racconto o di errori sfuggiti anche alla funzione “controllo  ortografia e grammatica” del vostro programma di scrittura. Comunque tenete presente che la funzione ha i propri limiti e conviene sempre sciogliere ogni dubbio consultando un buon dizionario. Potrete annotare a margine le correzioni e le modifiche che intendete apportare e così sarete pronti per la stampa definitiva del vostro testo.

Annunci

3 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. MariaStrofa
    Dic 20, 2006 @ 13:53:00

    Annarita sui correttori sei fiduciosa molto? ortografici sì: quelli grammaticali sono migliorati?

    Non li uso (grammaticali) ma tu ne saprai di più.

    ciao

    Rispondi

  2. sgnapisvirgola
    Dic 20, 2006 @ 20:29:00

    Mi fai sentire piccina picciò e un po’ in colpa.
    Io rileggo con poca attenzione e ai refusi di battitura do poca importanza. Sono maleducata lo so
    Ma confido di essere compresa:)

    Rispondi

  3. annaritav
    Dic 21, 2006 @ 06:38:00

    @ sgnapisvirgola
    I refusi secondo me sono inconsci segnali dell’autore, piccole cifre della sua personalità. Perciò non nutrire sensi di colpa, anzi…lasciali proprio morire di fame, anche in altre circostanze!
    😉

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog.wordpress.com/

Tutto inizia da adesso

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione

Io e la mia città

Appunti democratici su Roma

biblioragazzi

Biblioteche per ragazzi in Italia e nel mondo

Il bandolo della matassa

Ho bisogno di manualità e di creatività, partendo dalle piccole cose. Di riscoprire materiali che sanno riscaldare, avvolgere e colorare. Ho bisogno di leggerezza, di spazi aperti e tranquillità. Di riscoprire, nella semplicità, momenti in cui lasciare andare la mente. Ho bisogno di ritrovare il "bandolo della matassa"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: