Nati per Leggere

Nati per leggereNati per Leggere è un progetto italiano che si ispira a iniziative nate negli Stati Uniti e nel Regno Unito.
Qual è la sua finalità?
Promuovere la pratica della lettura a voce alta ai bambini dai sei mesi ai sei anni.

topbar_downPerché è importante la lettura a voce alta?
Per diversi motivi:

  • avere vicino un adulto, coinvolto in un processo affascinante come lo svilupparsi di una storia, fa nascere nel bambino una sensazione di protezione e stimola la sua curiosità
  • i mezzi espressivi del bambino si arricchiscono grazie al contatto quotidiano con la lettura
  • sono favoriti migliori risultati scolastici perché il bambino ha maggior familiarità con il linguaggio e quindi le sue capacità sono potenziate

tavolo

Chi partecipa a questa iniziativa?
Genitori, pediatri, biblioteche e scuole, che apportano diversi contributi  al progetto.
I genitori hanno frequenti contatti con i pediatri, i dottori che si occupano della salute dei più piccoli, e da loro possono ricevere consigli che non siano limitati solo alla salute fisica dei loro bambini. Le biblioteche possono arricchire gli spazi dedicati ai bambini e fornire utili indicazioni di lettura ai genitori. Le scuole possono ampliare le loro iniziative grazie alla collaborazione con i pediatri e con le biblioteche presenti sul territorio. Nasce così una rete di collegamenti che ha come scopo la valorizzazione delle qualità dei bambini, cosa veramente importante soprattutto per per i piccoli che vivano in situazioni di disagio familiare e sociale. Possono partecipare anche lettori volontari, tramite i referenti locali del progetto, svolgendo l’attività di lettura negli ospedali, nelle sale d’attesa degli ambulatori medici o durante gli incontri programmati nelle biblioteche e nelle scuole dell’infanzia.
topbar_03
Quali libri leggere?
Ovviamente tutti quelli che si ritiene possano essere utili, ma all’interno del sito di Nati per Leggere c’è un catalogo di proposte, scelte con cura secondo le esigenze e le capacità dei bambini. Questi libri sono edizioni speciali per il progetto, ad un prezzo più basso e a volte in formato ridotto, rispetto ai medesimi titoli che si possono acquistare in libreria.
Chi finanzia il progetto?
I fondi per l’acquisto dei libri e per ogni altra iniziativa vengono dalle Regioni, dalle Province, dai Comuni e anche da donatori privati.
topino
Consigli per i genitori

Annunci

4 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. MariaStrofa
    Dic 11, 2006 @ 21:45:00

    Guarda, Annarita, che combinazione:

    Alberto Manguel, a un convegno torinese in un intervento dal titolo «Il computer di Sant’Agostino», analizzava l’evoluzione storica del leggere, alla ricerca di affinità e differenze tra la mente umana e la mente elettronica.

    «Ad esempio – ci spiega – oggi non ci meraviglia la lettura silenziosa, mentre nel IV secolo leggere a voce alta era considerato non solo normale, ma indispensabile per la completa comprensione di un testo, in cui erano assenti spazi e punteggiatura».

    Proprio il Manguel di cui ho parlato oggi.

    E tutto questo per confermare che ci sono più secoli di lettura ad alta voce, parrebbe, piuttosto che il contrario.
    ciao.

    Rispondi

  2. annaritav
    Dic 12, 2006 @ 15:55:00

    Non conosco Alberto Manguel e adesso vengo a vedere di chi si tratta. Certamente la lettura a voce alta ha sempre rivestito un ruolo importante nella società umana e quindi è giusto che iniziative ad hoc la promuovano soprattutto nella sfera infantile. Grazie e ciao.

    Rispondi

  3. sgnapisvirgola
    Dic 12, 2006 @ 22:02:00

    E’ vero, non c’è cosa per un bambino più affascinante della lettura ad alta voce. Ti pare che l’adulto ti accompagni in un viaggio meraviglioso e al contempo ti protegga. Per questo avranno incontrato enorme successo le fiabe sonore? Io le ho fatte ascoltare tutte a mia madre centinaia di volte. Poveretta:)

    Rispondi

  4. annaritav
    Dic 13, 2006 @ 06:29:00

    Le fiabe sonore hanno costituito un ottimo surrogato della letteratura da parte degli adulti, inoltre c’era il fascino delle canzoncine così accattivanti e dei bei disegni. Ricordo bene con quanto piacere anche io ascoltavo i piccoli 45 giri un po’ graffiati nel mio mangiadischi arancione. “A mille ce n’è nel mio cuore di fiabe da narrar…” Bastava questo motivetto iniziale per volare via, sulle ali della fantasia. Le ho conservate tutte e sono piaciute molto anche
    ai miei figli. Una curiosità. Anni fa ho scoperto che la casetta della strega, sulla copertina della favola di Hansel e Gretel, era l’esatta riproduzione di un meraviglioso dolce comparso in un numero della mitica rivista “La Cucina Italiana” della quale ero assidua lettrice e sperimentatrice.
    “E’ una casetta con la porta di candito
    se non ci credi puoi provare con il dito
    la coprono tutta di fuori
    di zucchero gran ghirigori
    il tetto è di panna
    e intorno che c’é?
    Arance candite come piace a me.
    Mi vien l’acquolina pensando alla cantina
    di biscotti con la crema
    dev’essere ripiena…
    un morso le dò
    per assaggiarla un po!”
    Buona giornata

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog.wordpress.com/

Tutto inizia da adesso

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione

Io e la mia città

Appunti democratici su Roma

biblioragazzi

Biblioteche per ragazzi in Italia e nel mondo

Il bandolo della matassa

Ho bisogno di manualità e di creatività, partendo dalle piccole cose. Di riscoprire materiali che sanno riscaldare, avvolgere e colorare. Ho bisogno di leggerezza, di spazi aperti e tranquillità. Di riscoprire, nella semplicità, momenti in cui lasciare andare la mente. Ho bisogno di ritrovare il "bandolo della matassa"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: