Più Libri Più Liberi

Venerdì pomeriggio Giuseppe e io siamo andati al Palazzo dei Congressi dell’Eur di Roma per visitare la 5^ edizione della fiera Più Libri, Più Liberi.

C’era parecchia gente in fila ai botteghini e all’interno l’animazione era già notevole.

Botteghino

Il bello di questa fiera è la possibilità di trovare piccoli e medi editori i cui libri magari non è facile acquistare nelle librerie dei paesi o delle piccole città.

Al piano terra si trovano la maggior parte degli stand espositivi, tra i quali aggirarsi con calma, esaminando i titoli esposti e raccogliendo cataloghi da consultare a casa.

fiera

Nei corridoi sostavano gruppetti di persone, incontratesi lì per caso o perché si erano date appuntamento, che chiacchieravano di libri, di progetti, di iniziative, dei dibattiti ai quali avevano o avrebbero assistito in giornata.

Bambino che legge_1jpgE c’erano molti bambini e ragazzi. I più piccoli attratti dalle forme e dai colori dei libri, i più grandicelli a caccia di titoli ben precisi o incuriositi da argomenti particolari. Tanti erano anche al primo piano, nello spazio Bambino che legge_3dedicato ai ragazzi con la Bibliolilbreria e i tappeti colorati sui quali sdraiarsi a sfogliare libri, con la zona per gli spettacoli, gli incontri, i laboratori e le letture.

All’interno dello spazio ragazzi è allestito un punto di informazione sul progetto Nati per leggere, del quale vi parlerò in un’altra occasione.

Nati per leggereC’era una gran confusione di voci e di risate, e proprio pochi bambini piangevano,Bambino che piange i più piccoli, magari perché erano stanchi e non avevano fatto un sonnellino.

 

Ci sono spazi anche per i lettori più grandi, le sale nelle quali partecipare ai dibattititi e agli incontri con gli scrittori. Ogni sala è dedicata a un autore: Dante, Petrarca, Calvino, Morante, Montale e Campana.

Dal Caffè Letterario ogni giorno, per tre ore, viene diffusa in diretta la trasmissione di Radio Tre Fahrenheit, che si occupa di libri.

Fuori si è già fatto buio e parecchie persone se ne vanno, ma altre arrivano perché la fiera rimane aperta fino alle 21,00.

Dalla strada guardo indietro, verso le luci del palazzo, e penso a tutti quei libri. Che bellezza!

Annunci

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. MariaStrofa
    Dic 10, 2006 @ 16:30:00

    Essendo questo post quasi la descrizione di un sogno, ci vorrebbe – alla maniera di Borges – un altro post che descrivesse un sogno che sogna di chi sta sognando: tipo sognare i libri e incontrare te e Giuseppe che poi guardate i libri. Incontro che prima o poi sarà certamente possibile. Intanto un saluto a tutti e due.

    Rispondi

  2. annaritav
    Dic 11, 2006 @ 19:38:00

    Sarebbe bello. Intendo per il sogno e per l’incontro. Grazie per le visite e i saluti.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: