Scrivere

È giunto il momento in cui la storia ha preso forma nella vostra mente e sentite che le si può dare concretezza con le parole, far pensare  e agire  i personaggi che avete creato.

A questo punto può essere utile  l’uso di un canovaccio.scrivere

Generalmente con questo termine si intende lo schema degli atti e delle scene di un’opera teatrale, ma in senso più esteso in letteratura indica la trama di un testo.

Se si trattasse di un film, invece vi servireste di una sinopsi, parola un po’ difficile che indica la prima stesura del soggetto cinematografico in forma riassunta, usata soprattutto per il lancio pubblicitario del film.

Il canovaccio dunque vi sarà utile per riassumere a grandi linee la vicenda che intendete sviluppare.

Io compilo regolarmente anche un elenco dei personaggi e dei luoghi in cui vivono e agiscono.

donna

L’elenco dei personaggi mi serve per riassumerne il carattere e definirne l’aspetto fisico. È un buon sistema per non incorrere in sviste tipo quella di cambiare il colore degli occhi o dei capelli a un personaggio da un capitolo all’altro o di attribuire a un personaggio un pregio o un difetto appartenenti ad un altro. uomoPer me descrivere con precisione ogni personaggio ha un’altra funzione, ancora più importante: per ognuno di essi creo una vera e propria carta di identità nella quale definisco i suoi gusti in fatto di cibo, i suoi passatempi preferiti, il lavoro che svolge, la composizione della sua famiglia, le cose che ama o detesta. Molte di queste notizie non entrano nemmeno nella vicenda, ma mi sono servite per dare concretezza al mio personaggio, per farne una persona che si potrebbe incontrare per strada, a scuola, al lavoro. In una parola, per dargli credibilità.bambino

Nell’elenco dei luoghi raccolgo tutte le informazioni che mi possono servire riguardo a un paese o a una città: le strade, i monumenti, la storia, le usanze.

Se devo ambientare parte della vicenda in una casa, descrivo conarredamento precisione le stanze e il loro arredamento, in tutti i loro particolari.

Se si tratta di un paesaggio, cerco fotografie che me ne illustrino bene l’aspetto.paese

(continua)

Annunci

2 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. MariaStrofa
    Nov 29, 2006 @ 12:46:00

    A proposito di canovaccio, che mi ricorda la parola “buratto” lo strofinaccio per i piatti. Ti copincollo una mia cosa (tratta da Nella foresta del vocabolario) di Aldo Gabrielli.

    ———
    BUROCRAZIA DEL BURATTINO

    Mentre asciugavo i piatti con il buratto, io che sono un burocrate mi
    sentivo un burattino e pensavo al mio bureau.

    bura: stoffa grossolana da cui sono derivati per varie associazioni buratto,
    burattino, bureau, burocrazia.

    bureau: dalla bura con cui venivano ricoperti i tavoli degli scrivani, nome
    poi dato al banco stesso e all’ufficio.

    burattino: colui che agitava il buratto, stacciatore. Burattino divenne lo
    zanni che faceva movimenti scomposti in scena.

    burocrazia: a questo punto non servono spiegazioni. Tuttavia dire che i
    burocrati sono burattini sarà lecito ma un tantino ridondante.
    ——–
    Vedo ora il tuo blog che leggerò con calma. Intanto lo metto tra i miei link.
    Un salutone

    Rispondi

  2. MariaStrofa
    Nov 29, 2006 @ 12:46:00

    A proposito di canovaccio, che mi ricorda la parola “buratto” lo strofinaccio per i piatti. Ti copincollo una mia cosa (tratta da Nella foresta del vocabolario) di Aldo Gabrielli.

    ———
    BUROCRAZIA DEL BURATTINO

    Mentre asciugavo i piatti con il buratto, io che sono un burocrate mi
    sentivo un burattino e pensavo al mio bureau.

    bura: stoffa grossolana da cui sono derivati per varie associazioni buratto,
    burattino, bureau, burocrazia.

    bureau: dalla bura con cui venivano ricoperti i tavoli degli scrivani, nome
    poi dato al banco stesso e all’ufficio.

    burattino: colui che agitava il buratto, stacciatore. Burattino divenne lo
    zanni che faceva movimenti scomposti in scena.

    burocrazia: a questo punto non servono spiegazioni. Tuttavia dire che i
    burocrati sono burattini sarà lecito ma un tantino ridondante.
    ——–
    Vedo ora il tuo blog che leggerò con calma. Intanto lo metto tra i miei link.
    Un salutone

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog.wordpress.com/

Tutto inizia da adesso

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione

Io e la mia città

Appunti democratici su Roma

biblioragazzi

Biblioteche per ragazzi in Italia e nel mondo

Il bandolo della matassa

Ho bisogno di manualità e di creatività, partendo dalle piccole cose. Di riscoprire materiali che sanno riscaldare, avvolgere e colorare. Ho bisogno di leggerezza, di spazi aperti e tranquillità. Di riscoprire, nella semplicità, momenti in cui lasciare andare la mente. Ho bisogno di ritrovare il "bandolo della matassa"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: