Noi e loro

 

Ho lavorato per alcuni anni come insegnante supplente nella scuola dell’infanzia e elementare; poi sono passata dall’altro lato, sul versante del lavoro d’ufficio, e ho conosciuto anche il mondo degli adolescenti. Per il terzo anno lavoro nella segreteria di un istituto professionale  e devo dire che è un’esperienza particolare.
Se penso ai miei anni di studentessa, mi accorgo che gli uffici della scuola e il personale che vi lavorava erano per noi un mondo sconosciuto. Non rammento né di aver mai varcato la soglia della segreteria né i nomi o i volti degli impiegati.
Nella mia scuola è tutta un’altra cosa. Ogni giorno incontriamo i ragazzi, conosciamo tanti di loro e loro conoscono noi.
Entrano allegri e sorridenti per chiedere i fogli protocollo, improvvidamente dimenticati malgrado il compito in classe programmato da giorni, o per domandare qualunque altra cosa passi loro per la mente in quel momento e sia ritenuta importante o di una qualche utilità pratica.
Sono educati, salutano per primi e si scusano per il disturbo, si partecipa alle loro gioie, e, ahimé, ai loro dolori.
In questo periodo, nel quale il bullismo e la violenza nelle scuole vengono sbattuti e esibiti in prima pagina, avevo proprio voglia di parlare di loro.
Di ragazze e di ragazzi che sanno far sentire uno di loro il compagno diversamente abile e instaurano rapporti fatti di tenerezza, di complicità, di affetto, di comprensione, di sostegno.
Alunni
Di studentesse e di studenti che ottengono brillanti risultati, e molti sono stranieri.
Di creative e di creativi che partecipano a concorsi, manifestazioni e iniziative e molto spesso vincono premi e ottengono riconoscimenti.
studenti
Di giovani che hanno voglia e bisogno di esprimersi, e quando lo fanno ti stupiscono per la profondità dei loro sentimenti e per la logica dei loro ragionamenti.
Queste non son cose che fanno notizia da prima pagina, ma fanno bene al cuore e scommetto che ci sono tante scuole come la mia. Anzi, ne sono sicura. E ne vado fiera.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Il cavaliere della rosa

Un blog orgogliosamente di nicchia: opera, ricordi e piccole manie di un improvvisato collezionista

BUTAC - Bufale un tanto al chilo

Harder. Better. Faster. Bufaler.

Romanticism and Victorianism on the Net

Open access Journal devoted to British Nineteenth-Century Literature since 1996

giuseppecartablog.wordpress.com/

Tutto inizia da adesso

Iridediluce (Dott.ssa Fiorella Corbi)

L’antica rosa esiste solo nel nome: noi possediamo nudi nomi – Stat rosa pristina nomine, nomina nuda tenemus. (Umberto Eco, frase finale del Nome della rosa che cita Bernardo di Cluny)

Parole Infinite

Articoli, commenti, considerazioni su libri, film e molto altro. Una Community della parola.....

Mix&Match

Dalla provincia, con amore

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

NonSoloProust

Il blog di Gabriella Alù

il blog di Gianmarco Veggetti

...SOTTO A CHI TOCCA...

In-Folio

Lettura Studio Editoria Traduzione

Io e la mia città

Appunti democratici su Roma

biblioragazzi

Biblioteche per ragazzi in Italia e nel mondo

Il bandolo della matassa

Ho bisogno di manualità e di creatività, partendo dalle piccole cose. Di riscoprire materiali che sanno riscaldare, avvolgere e colorare. Ho bisogno di leggerezza, di spazi aperti e tranquillità. Di riscoprire, nella semplicità, momenti in cui lasciare andare la mente. Ho bisogno di ritrovare il "bandolo della matassa"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: